Né Soros né Viktor Orban

Stampa

Con un'affluenza alle urne senza precedenti Fidesz (Unione Civica Ungherese) il partito di Viktor Orban ha stravinto le elezioni in Ungheria.

Matteo Salvini, come da copione è stato tra i primi ad esultare:
«L'Ungheria ha votato con il cuore e con la testa, ignorando le minacce di Bruxelles e i miliardi di Soros. Buon lavoro presidente Orbán, spero di incontrarla presto da Presidente del Consiglio italiano».

Con Salvini esultano tutti i populismi destrorsi e xenofobi d'Europa.
Noi non esultiamo adesso come non esultammo nel 2014, quando ricordammo chi sia in verità Viktor Orban.

Due le ragioni principali della vittoria dell'astuto Orban. La prima è segnalata da certi suoi paladini italiani:
«La sua campagna elettorale è stata incentrata in particolar modo sul contrasto all'immigrazione illegale, con gli attacchi a Soros e alle organizzazioni da lui finanziate, accusati di promuovere l'invasione musulmana e africana di massa in Europa per minarne l'identità cristiana».

Il voto ungherese conferma quindi che le destre nazional-liberiste hanno il vento in poppa, e lo hanno perché incontrano pulsioni xenofobe che vanno crescendo in seno ai popoli europei.

La seconda ragione, non meno importante forse, è la resistenza che Orban è andato opponendo ai diktat dell'Unione europea, che hanno fatto del Nostro un campione del "sovranismo ungherese". Un "sovranismo" che va crescendo dappertutto come reazione allo strapotere e all'arroganza delle élite neoliberiste e mondialiste — malgrado sia un sovranismo alquanto farlocco, visto che l'Ungheria, al netto della flat tax (che avvantaggia anzitutto le multinazionali straniere) non solo sta nell'Unione del mercato unico, ma ne rispetta i fondamentali parametri ordoliberisti.

Con Fidesz  vicino al 50% dei voti e Jobbik sul 20%, le sinistre ungheresi, con alla testa i socialisti, sono al minimo storico. Se la sono voluta. Non solo essi si atteggiano a corifei dell'Unione europea, non nascondono di essere delle marionette del finanziere miliardario e globalista G. Soros, nemico giurato di Orban.

Anche dall'Ungheria ci giungono quindi una conferma ed una lezione. La conferma è quella del tramonto inesorabile delle sinistre globaliste e cosmpolitiche. La lezione è che una sinistra nuova potrà rinascere solo se, tagliato il cordone ombelicale con quella vecchia, fermi restando i valori della eguaglianza sociale e della emancipazione dal capitalismo, metterà la questione dell'indipendenza nazionale al centro della sua battaglia.


da sollevAzione

 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.