Sì, io voto per il Partito della Brexit

Stampa
Una testimonianza straordinaria dal Regno Unito, quella di Amanda Hunter, mentre proprio oggi i cittadini votano per le elezioni europee. Poche pagine che ci spiegano ciò che i media non vogliono spiegare, anzitutto cos'è davvero il Partito della Brexit e quale spinta lo sorregge e quali aspettative sta suscitando. Ci dicono infine che non va fatta confusione tra il Partito della Brexit di Farage e l'UKIP, che corre alle elezioni per fatti suoi.

«Oggi, 23 maggio, io e i miei concittadini andremo alle urne per votare nelle elezioni europee del 2019 per quello che molti di noi sperano sarà l'ultima volta. Certo, avrebbe dovuto essere l'ultima volta nel 2014. Ma eccoci qui, tre anni dopo che 17,4 milioni di noi votarono per lasciare l'Unione Europea, di nuovo alle urne per eleggere i rappresentanti in un'istituzione alla quale la maggioranza di noi non desidera più appartenere.

Perché? Perché, come ho spiegato in precedenza su SOLLEVAZIONE — QUI, QUI e QUI — oltre il 75% dei nostri "rappresentanti" in parlamento non vogliono che noi usciamo dalla Ue e hanno fatto tutto quanto in loro potere di impedirci di farlo. Quando ho scritto a gennaio che i rappresentanti eletti della "madre di tutti i parlamenti" si erano rivoltati contro le stesse persone che intendevano rappresentare e servire e avevano pianificato e complottato per rovesciare il più grande mandato democratico nella storia politica britannica moderna, sono stata accusata di seguire teorie complottiste. Eppure, eccoci qui, due mesi dopo la data stabilita nell'articolo 50 per la nostra uscita, il 29 marzo 2019, non solo ancora incatenati all'istituzione anti-democratica che abbiamo votato per lasciare nel referendum del 2016 ma, per aggiungere al danno la beffa, costretti a votare alle elezioni al Parlamento europeo. Dico costretti, perché se uno è un democratico, non c'è altra scelta.

Alle ore 23.00 del 29 marzo 2019, la democrazia si è effettivamente spenta nel Regno Unito. Il 22 marzo, appena 7 giorni prima dell'uscita, "con o senza accordo" con l'Unione europea, il primo ministro May ha annunciato che — contrariamente a quanto era stato stabilito dalla legge britannica dopo l'attivazione dell'articolo 50 (votato da 498 parlamentari) —, alla fine non ce ne andremmo. Non il 29 almeno. La nostra uscita dovrà essere ritardata ci è stato detto. I parlamentari hanno bisogno di più tempo, ha insistito il nostro Primo Ministro. La May rassicurava i cittadini: solo altre due settimane per consentire ai parlamentari di raggiungere un compromesso e approvassero l'accordo di uscita del governo [Government’s Withdrawal Agreement].

Di quanto tempo ancora avete bisogno? Chiesero i Brexiteers? Il Parlamento aveva avuto quasi tre anni per raggiungere un accordo, ma invece lo aveva sperperato, complottando e ri-complottando per ritardare la Brexit nella speranza che l'elettorato potesse essere logorato abbastanza da permettere loro di cambiare idea e far vincere il Remain in un secondo referendum che i parlamentari di entrambe le parti stavano preparando sin dal giugno 2016. Una nuova data venne fissata per il 12 aprile, per poi essere estesa all'undicesima ora fino al 31 ottobre 2019.

Non c'è da stupirsi allora, quando decine di migliaia di Leavers si sono riuniti in Piazza del Parlamento [Parliament Square] venerdì 29 marzo per esprimere il loro dissenso, l'umore, anche se ribelle e arrabbiato, è stato temperato dalla rassegnazione, dalla disillusione e dalla paura per il futuro della democrazia britannica. Questo raduno, organizzato dal gruppo Leave Means Leave, è stato il culmine della March to Leave, che era partita da Sunderland nel nord dell'Inghilterra due settimane prima. Raccogliendo i sostenitori lungo il percorso, si era diretto verso Londra per esprimere la rabbia e la frustrazione degli elettori di 17,4 milioni di elettori e inviare un messaggio ai parlamentari seduti in Parlamento che "quando è troppo è troppo". Sono volata dall'Italia per unirmi ai manifestanti, alcuni dei quali avevano percorso tutti i 435 km, per percorrere l'ultima tappa della loro marcia verso Parliament Square.

Nonostante la bonarietà e il senso di solidarietà condivisa dai manifestanti, e malgrado l' ardente determinazione nel far sentire la propria voce, l'atmosfera era anche di disincanto. Tra i Leavers con cui ho parlato, molti dei quali avevano preso una giornata di ferie e hanno viaggiato per centinaia di chilometri per partecipare alla manifestazione, si sentiva la rabbia, frustrazione e senso di disperazione. Con un governo e un parlamento non disposti a rispettare il nostro mandato, cosa si potrebbe fare? Migliaia sono arrivati per far sentire le loro voci, per sostenere la causa della Brexit e sostenere i discorsi ispiratori dalla piattaforma, ma sembrava che pochi credessero che la Brexit sarebbe effettivamente accaduta. E 'stato sette settimane fa. Il primo ministro laburista Harold Wilson una volta disse che "una settimana è un lungo periodo in politica" — beh, visti gli eventi tumultuosi che hanno avuto luogo da quel fatidico giorno, sette settimane sono una vera e propria epoca.

L'umore ora non potrebbe essere diverso. Mentre oggi l'elettorato britannico si reca alle urne, i democratici che hanno votatoLeave hanno un nuovo partito che li rappresenta, un nuovo partito non solo disposto a portare la fiaccola della Brexit, ma determinato a condurli fuori dall'Unione europea. Questo partito si chiama giustamente Partito Brexit, lanciato meno di sei settimane fa a Coventry.

Quando ho saputo che un gruppo di persone guidate da Nigel Farage dall'attivista del Leave Richard Tice, stava organizzando un partito politico da candidare alle elezioni europee — nell'eventualità che il Regno Unito fosse tenuto a partecipare a quelle elezioni — ho immediatamente fornito il mio appoggio.  Se conosceste il mio background politico — e dato che state leggendo quanto scrivo sul blog SOLLEVAZIONE —, immaginerete che io mi trovi sul tradizionale continuum politico sinistra-destra, riterrete la mia decisione di sostenere un partito guidato da Nigel Farage come ... beh, un po 'strano, e politicamente addirittura schizofrenico.

Per una donna che ha affinato le sue idee politiche in compagnia di comunisti rivoluzionari ed è rimasta (più o meno) fedele alle sue radici marxiste, la decisione di sostenere un partito guidato da Nigel Farage, merita almeno qualche spiegazione. Quindi, per motivi di chiarezza, posso dirvi che la mia decisione non è frutto di una conversione degli ultimi giorni alle idee della destra politica — anche se in realtà sarebbe giusto dire che Farage è più liberale e libertario di quanto i media tradizionali e i suoi detrattori di sinistra vorrebbe farci credere. No, i fondamenti della mia visione politica rimangono relativamente intatti e quindi del tutto distinti da quelli di Nigel Farage e del presidente del Partito Brexit, il ricco uomo d'affari Richard Tice. La ragione per cui ho deciso di partecipare al Partito Brexit è stata piuttosto semplice: la democrazia.

Come i 70 candidati che hanno deciso di candidarsi per il Partito Brexit alle elezioni europee di questa settimana, voglio che il mandato ad uscire dall'Unione europea, consegnato da 17,4 milioni di elettori nel referendum UE 2016 — il più grande mandato democratico nella storia moderna britannica — venga rispettato e messo in pratica, ma, cosa molto più importante di questo, credo fermamente, come fanno i candidati stessi, che la democrazia britannica è seriamente minacciata e ha bisogno di venir difesa con urgenza. Dalla risposta dei cittadini — 110.000 sostenitori paganti (e registrati) dal suo lancio poco meno di sei settimane fa — sembrerebbe che tale convinzione sia ampiamente condivisa.

Per tornare alla mia storia, meno di una settimana dopo aver appreso dei piani di Farage, ho partecipato al rally di lancio del Brexit Party a Birmingham. I biglietti erano andati esauriti giorni prima, quindi non ero sorpresa di trovare un auditorium pieno zeppo. Contrariamente alla caricatura diffusa dai media mainstream, era una platea mista, con persone di tutte le età e di diverso background culturale, sociale e politico. Ho parlato con persone di entrambe le tradizioni politiche di sinistra e di destra, con persone di 20 e 50 anni. Sì, c'erano più persone anziane, ma questo non dovrebbe sorprendere visto che questo riflette la demografia dei votanti Leave. Il messaggio della manifestazione era chiaro e semplice: ilPartito Brexit è stato lanciato per difendere la democrazia e per costruire un movimento che dica alla classe politica che ci pensi due volte prima di rinnegare la Brexit, come i recenti avvenimenti nel parlamento britannico — alcuni dei quali ho già riportato in precedenti articoli: QUI, QUI e QUI — e come sembra di capire visto l'intento di molti parlamentari.

Se si dovesse avere bisogno di ulteriori prove del tradimento e della duplicità del governo della May e del parlamento che  presiede, martedì scorso il primo ministro ha rilasciato una dichiarazione in cui ha offerto un "nuovo accordo" con ulteriori concessioni miranti a ottenere i voti parlamentari per il suoAccordo di Uscita — altrimenti noto come BRINO (Brexit solo Nome). Le concessioni, che hanno seguito la rottura dei colloqui di sei settimane tra il primo ministro May e leader dell'opposizione, Jeremy Corbyn, la scorsa settimana, hanno incluso un'unione doganale "temporanea" e l'allineamento con il mercato unico, che, se approvata, in Parlamento, rappresentano un profondo tradimento del referendum del 2016, in cui i cittadini britannici hanno votato per lasciare l'UE, tra cui TUTTE le sue istituzioni. Ma questo non doveva essere il tradimento finale.

Mentre scrivo, è stato confermato che il Primo Ministro Teresa May ha "offerto" alla Camera dei Comuni l'opportunità di votare per un secondo referendum nel caso in cui il suo Bill di Accordo di Uscita [Withdrawal Agreement Bill] sia approvato in seconda lettura il 3 giugno. Con un parlamento dominato dai deputati per il Remain, deciso ad uccidere la Brexit, ora c'è un aumentato rischio che il popolo britannico sia costretto a votare di nuovo. Quest'ultima mossa di maggio alla vigilia delle elezioni europee ha già portato alle dimissioni di un altro ministro, il Presidente della Camera, Andrea Leadsom, e si ritiene che altri possano seguire il suo esempio nei prossimi giorni.

Il Partito Tory sta implodendo, come anche il Partito Laburista. L'impasse politica in Parlamento non mostra segni di risoluzione, e nonostante la capitolazione di maggio alle richieste del Labour, sembrerebbe che ci sia poca speranza che il disegno di Legge sulla Uscita del primo ministro May venga approvato il 3 giugno. Nei due campi, i più sono per il Remain, ed essi sono più trincerati che mai nelle loro posizioni, con alcuni deputati del  Leave che avevano precedentemente sostenuto l'Accordo di Uscita, che ora sono per respingerlo.

Il rifiuto del Parlamento di rispettare il risultato del referendum del 2016 è stato la rovina di entrambi i partiti tradizionali, come confermato alle elezioni locali due settimane fa, quando il partito Tory ha perso oltre 1.300 consiglieri — la loro più grande sconfitta negli ultimi decenni —, e il Labour ne ha persi 82. Le elezioni locali sono generalmente combattute e vinte su questioni locali, ma non quest'anno. Quest'anno, nonostante gli sforzi dei partiti conservatori e laburisti di minimizzarne l'importanza, per gli elettori la questione cruciale  è stata la Brexit, e gli elettori disillusi hanno colto l'occasione per punire entrambi i partiti principali per la loro mancanza di progressi nell'arresto della Brexit (eletori pro-Remain) o nella sua applicazione (pro-Leave).

Mentre i Liberaldemocratici e il Partito verde, entrambi su una piattaforma anti-Brexit e impegnati a tenere un secondo referendum, hanno ottenuto vantaggi significativi, affermando che questo ha dimostrato che il popolo britannico aveva cambiato idea sulla Brexit e ora desiderava rimanere — in verità non è altro che un pio desiderio. I secondi maggiori successi sono stati fatti dai numerosi partiti indipendenti (un aumento di 612 consiglieri) molti dei quali erano in lizza per la prima volta, e diversi su piattaforme pro-Brexit. L'affluenza alle urne (35,9%) è stata addirittura inferiore rispetto a quanto avviene tradizionalmente per le elezioni locali, con molti elettori che hanno deciso di rimanere a casa. Migliaia hanno espresso la loro rabbia sui social media, molti giurando di non votare mai più per nessuno. Sebbene il Brexit Party non abbia partecipato alle elezioni, migliaia di elettori hanno colto l'occasione per annullare la propria scheda elettorale scrivendo "Brexit Party" o semplicemente "Brexit" in segno di protesta.

Se è vero che gli elettori votano in modo diverso nelle elezioni locali e generali, i segnali indicano che gli elettori disillusi stanno abbandonando entrambi i partiti tradizionali, e questo è più evidente nelle loro tradizionali roccaforti. Sembrerebbe che il sistema bipartitico britannico stia esalare l'ultimo respiro, come sembrerebbe confermare la classifica dei sondaggi per le elezioni europee. Mentre scrivo, i sondaggi mettono il Partito Brexit al primo posto con il 35%, il Labour secondo al 18%, i Liberal Democratici al 17% e il Partito Conservatore dietro col 12% — il peggior risultato mai ottenuto di Tories nelle elezioni europee. Questo è un grande risultato per un partito lanciato appena meno di sei settimane fa. Rispetto al 27% ottenuto alle ultime elezioni europee nel 2014, l'ex partito di Nigel Farage, UKIP, il sondaggio lo da solo il 2%, mentre l'altro nuovo partito della Gran Bretagna, Change UK, un partito centrista pro-Remainformato da ex laburisti e dai parlamentari Tory a febbraio di quest'anno — con l'intenzione esplicita di forzare un secondo referendum sulla Brexit — dovrebbe ottenere solo il 4%. Ciò che questi ultimi due sondaggi ci dicono è che, nonostante le affermazioni contrarie, c'è poco voglia tra gli elettori britannici sia di un secondo referendum, sia di sostenere la politica di destra di un partito [UKIP] che si è autodefinito negli ultimi mesi come razzista, anti-immigrati e anti-islam.

I portavoce laburisti e conservatori si affrettano a sottolineare nella loro difesa che le persone votano in modo molto diverso nelle elezioni europee alle elezioni generali e sostengono che in vista delle prossime elezioni generali, che potranno accadere in qualsiasi momento, gli elettori torneranno di nuovo alle loro abitudini di voto tradizionali. Questa analisi trova anche favore tra giornalisti e commentatori politici, ma se fossi una donna dedita alle scommesse, non metterei i miei soldi in nessuno dei due partiti principali. La Brexit ha cambiato definitivamente la politica britannica. Non ci sarà alcun ritorno al sistema bipartitico dopo gli eventi degli ultimi tre anni, e il partito destinato a essere il beneficiario della disillusione degli elettori sia con i laburisti che con i conservatori è molto probabile che sarà il Partito Brexit.

Mentre il Partito Brexit è stato inizialmente fondato al solo scopo di partecipare alle elezioni europee del 2019, il suo leader, Nigel Farage, ha già annunciato che il partito sarà presente alle prossime elezioni generali. Se vince con la maggioranza anticipata dai sondaggi nelle elezioni europee di oggi, è altamente probabile che ciò fornirà ulteriore slancio al neonato partito. Un recente sondaggio condotto da Opinium sulle intenzioni di voto per le prossime elezioni generali, pone il Labour al 29%, il Partito Brexital 24% , i conservatori al 22% ai liberaldemocratici all'11%.

I partiti principali ora capiscono, in qualche modo in ritardo, che il nuovo partito britannico non è semplicemente un partito di protesta, un partito "oggi ci sono domani no" che svanirà dopo le elezioni europee, ma un partito che, dopo appena sei settimane dal suo inizio, è impostato per cambiare il corso della politica britannica per il prossimo futuro. I partiti tradizionali sono giustamente preoccupati, come le loro tattiche, sempre più in panico e a volte disperate hanno illustrato nel corso della campagna elettorale, e in particolare nell'ultima settimana. Tra i peggiori di questi è stato il seguente post su Twitter del Partito Laburista in cui si cerca di associare il Partito Brexit con persone anti-islamiste di destra del calibro di Gerard Batten di UKIP e Tommy Robinson.

Il partito Brexit è stato attaccato da tutti i lati, non solo dai principali partiti del Remain — iliberaldemocratici, Change UK, dal Labour Party ora che il  suo leader Jeremy Corbyn è finalmente uscito allo scoperto, infine dai media mainstream pro-Remain. Improperi e insulti abbondano ogni giorno mentre il pubblico viene bombardato quotidianamente da notizie infuocate e materiali della campagna politica negativa che ritraggono il Partito Brexit come partito nazionalista, razzista, di estrema destra (a volte persino fascista), un partito finanziato da denaro sporco, gestito da personaggi loschi e manipolato da nefandi russi o da altre forze maligne.

Naturalmente il Partito Brexit non è nessuna di queste cose. Ciò che le élite politiche pro-UE in parlamento e i media mainstream sostenitori dell'UE non possono né comprendere né accettare è che il lancio del Partito Brexit sia riuscito a mobilitare un movimento di massa di sostenitori provenienti da tutte le tradizionali parti poltiche e li abbia uniti in una causa comune: la lotta non solo per la Brexit, ma per la stessa democrazia. Le diversità che il partito abbraccia nei suoi sostenitori si riflette nella diversità dei suoi 70 candidati, che provengono da tutti i ceti sociali, da tutti i retroterra culturali ed etnici, e le cui precedenti alleanze politiche attraversano le divisioni politiche. I candidati vanno dalla sinistra radicale alla destra conservatrice tradizionale, e comprendono la commentatrice dei media Claire Fox, ex membro del Partito Comunista Rivoluzionario ormai defunto, e Ann Widdecombe, che ha servito nel partito Tory per 55 anni prima di dimettersi per unirsi al Partito Brexit cinque settimane fa. La maggior parte dei candidati, tuttavia, non è mai stata coinvolta in politica prima. Sono solo persone normali che si sentono in dovere di prendere posizione, non solo per assicurare che la Brexit sia realizzata, ma, soprattutto, per difendere la democrazia dagli anti-democratici sia dall'Unione europea che dalla nostra classe politica che sembra intenzionata a distruggerla.

Data la diversità delle opinioni politiche e delle opinioni tra i candidati oggi presenti e quelli attualmente intervistati come candidati alle prossime elezioni generali, resta da vedere se il partito rimarrà un attore importante nella politica britannica. Per il momento, tuttavia, questa è l'ultima delle preoccupazioni dei suoi sostenitori. Quelli che si sono iscritti a migliaia nelle ultime sei settimane hanno una priorità, e questa è portare a casa la Brexit e la difesa della democrazia. Meno di sei settimane fa, questi elettori erano orfani politici, non più rappresentati dai parlamentari che avevano eletto in Parlamento. Ora hanno una casa politica, anche se forse solo temporanea. E dove sei settimane fa si sentivano disillusi dalla politica, alcuni impegnati a non votare mai più in un'elezione, ora hanno speranza. Ciò si riflette non solo nel fatto che il neonato partito ha raccolto oltre 2,5 milioni di sterline dalla sottoscrizione dei sostenitori in meno di sei settimane, ma nel fatto che centinaia di questi sostenitori hanno promesso il loro sostegno politico sul campo e hanno speso l'ultimo mese di volontariato ai raduni del partito, lavorando nei suoi uffici, istituendo gruppi di supporto locali per difendere i banchetti della campagna e diffondere il messaggio del partito nelle strade. L'entusiasmo e il senso di solidarietà sono palpabili. Gli politicanti di Westminster hanno tutte le ragioni per essere preoccupati per il loro destino.

Se il Partito Brexit durerà a lungo nella sua forma attuale è davvero irrilevante, ciò che conta è che ha fornito agli elettori disillusi una ragione per credere ancora una volta al potere della politica di cambiare le cose e, cosa più importante, che il loro proprio impegno politico è fondamentale per il cambiamento in corso. Qualunque cosa accada oggi e nei prossimi mesi, una cosa è certa: il Partito Brexit ha fornito un veicolo e un trampolino di lancio per il cambiamento politico, la direzione che il cambiamento prenderà non sarà decisa da Nigel Farage o dal suo presidente Richard Tice, ma dalle migliaia di persone che hanno promesso il loro sostegno alla causa della difesa della democrazia britannica.

La Brexit ha scongelato la politica britannica e gli ha dato una nuova prospettiva di vita. Spero che lo slancio delle ultime settimane continui a ritmo sostenuto e che nei prossimi mesi e nei prossimi due anni emergeranno nuovi partiti e movimenti per dare forma al nostro futuro politico condiviso di nazione. Tuttavia, nulla di tutto ciò sarà possibile se restiamo nell'UE, e per ora almeno il Partito Brexit è l'unico partito disponibile e in grado di contrastare la casta politica in carica a Westminster e vincere, e per questo motivo, questa ex-comunista rivoluzionaria li voterà».

* Traduzione a cura della Redazione di sollevAzione
 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.