Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi5533
mod_vvisit_counterUltima settimana140724
mod_vvisit_counterUltimo mese622414

Corea del Nord: chi minaccia chi

E-mail Stampa

Segnalavamo, già dieci giorni fa, le crescenti minacce di Trump alla Corea del Nord. Adesso, l'escalation è ancora più chiara. Si ipotizza, in base alle stesse affermazione del governo di Pyongyang, un nuovo esperimento nucleare nel fine settimana. Un fatto che servirebbe a Washington (dove di atomiche ne hanno 10mila) per motivare il passaggio ad una qualche azione militare. E, mentre sullo sfondo rimane il confronto con la Cina, ieri gli USA hanno sganciato sull'Afghanistan (obiettivo: colpire le forze dell'Isis nel paese) la super-bomba GBU 43 da 11 tonnellate di tritolo.

Qui sotto un articolo di Michel Chossudovsky sui veri responsabili dell'esplosiva situazione nella penisola coreana.


La Corea del Nord minaccia l'America: stanno arrivando! Ci spazzeranno via!
di Michel Chossudovsky

"E sapete, abbiamo questo matto [Kim Jong-un], credo sia matto, o è matto o è un genio, l'uno o l'altro, ma attualmente è molto instabile, anche più di suo padre…" (Donald Trump, Agosto 2016, durante la campagna elettorale)."

"Ciò che non è stato dimenticato a proposito di questo [la guerra di Corea del 1950-1953] fu la straordinaria distruttività dei bombardamenti aerei degli USA contro la Corea del Nord, dal massiccio e continuo uso di bombe incendiarie (per lo più con Napalm) alle minacce di usare l'arma nucleare o le armi chimiche, e la distruzione delle enormi dighe nordcoreane negli stadi finali del conflitto…" (Bruce Cumings)

Trump crede che Kim Jong-un sia pazzo. Portatelo via.

I media USA ci mettono del loro: la RPDC è una minaccia per la sicurezza nazionale degli USA che richiede un primo colpo preventivo a mezzo di un attacco missilistico THAAD in nome della "autodifesa".

Chi è pazzo? Kim o Trump? Non importa se ciò scateni la guerra con la Cina o con la Russia.

Secondo l'Heritage Foundation:
"Il regime canaglia in Corea del Nord si atteggia come una delle più pericolose minacce per gli interessi della sicurezza nazionale americana. Pyongyang si presenta come una poliedrica minaccia militare alla pace ed alla stabilità in Asia così come un rischio di proliferazione nucleare globale."

Pyongyang risponde dicendo che gli USA (inclusi i 29.000 uomini di truppa stazionanti in Corea del Sud) costituiscono una minaccia per la sicurezza nazionale della Repubblica Popolare Democratica di Corea, e che deve difendersi.

L'America una minaccia alla loro sicurezza nazionale?
Non hanno diritto di auto difendersi.
I nordcoreani sono assolutamente pazzi.
O i pazzi sono questi?

Il Generale Curtis LeMay che ha coordinato i bombardamenti aerei contro la Corea del Nord durante la Guerra di Corea (1950-1953) ha ammesso che:
"Là abbiamo esagerato combattendo la guerra, abbiamo comunque dato alle fiamme ogni città nella Corea del Nord, l'una o l'altra, e ne abbiamo bruciato qualcuna anche nella Corea del Sud… In un periodo di tre anni o giù di lì non abbiamo forse sterminato - che so - il venti per cento della popolazione della Corea, o come effetto diretto del conflitto, o per fame od assideramento?" Strategic Air Warfare: An Interview with Generals (1988)

Ma era per una giusta causa. Sterminare per salvare la democrazia.

I territori al nord del 38° parallelo sono stati oggetto di un massiccio bombardamento a tappeto e di raid incendiari con bombe al Napalm, i quali causarono la distruzione di settantacinque città e migliaia di villaggi. Come risultato, di fatto, ogni costruzione in piedi in Corea del Nord fu distrutta.

Secondo il Maggior Generale degli USA William F. Dean: "molte delle città e dei villaggi nordcoreani che vidi furono o macerie o terre deserte coperte di neve".

Secondo il veterano del Vietnam e premiato autore Brian Willson:
"si crede oggi che le persone abitanti a nord dell'imposto 38° parallelo abbia perso quasi un terzo della loro popolazione di nove milioni di persone durante la guerra "calda" lunga trentasette mesi, 1950-1953, forse una percentuale di mortalità senza precedenti sofferta da una nazione e dovuta alla belligeranza di un'altra".

Lasciate perdere i capi di stato pazzi e canaglie.
Mettetevi nei panni dei nordcoreani, sono esseri umani nostri fratelli.

Ogni singola famiglia in Nord Corea ha perso un caro durante la Guerra di Corea. Chiedete a loro: chi è la minaccia per la "loro sicurezza nazionale". E non è ancora finita.

La RPDC è stata minacciata da un attacco nucleare USA per più di sessanta anni.

Immaginatevi cosa succederebbe se una potenza straniera avesse attaccato l'America, distruggendo le sue maggiori città e sterminando il 20 per cento della sua popolazione.

Come vi sentireste?
Questo è quello che è successo alla Corea del Nord.
Diffondi la democrazia americana. Uccidi i comunisti.
Chi è la minaccia alla sicurezza globale? La Corea del Nord o gli Stati Uniti?
Trump sarebbe allora pazzo quanto egli pretende lo sia Kim Jong-un.

Inoltre Trump non conosce nemmeno la storia del XX secolo, né è in grado di comprendere le implicite conseguenze di un primo colpo nucleare americano.

Il mondo è ad un crocevia pericoloso. Gli architetti della politica estera USA sono pazzi.

Nelle parole di Stephen Lendman, Trump vuole innescare la Guerra di Corea 2.0, che inevitabilmente porterebbe ad un'escalation militare all'interno della penisola coreana.


da marx21
fonte: Global Research





 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.