Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

Irlanda
Come si costringe una "tigre celtica" a diventare "pecora celtica" Stampa Email
Europa
Scritto da Vittorangelo Orati   
Domenica 11 Ottobre 2009 18:32

Sul sì estorto dalla UE agli irlandesi ospitiamo questo intervento di Vittorangelo Orati

Come la nazione irlandese possa in poco più di un anno passare dalla bocciatura del Trattato di Lisbona al più sonoro ripensamento in merito? Cosa si cela dietro alle preoccupazioni degli eurocrati e i più sfegatati “europeisti” dopo il no del giugno del 2008 e le attuali grancasse che accompagnano la gioia di quanti hanno venduto anima e corpo all’Europa dei capitali e della rendita finanziaria, spesso con l’aggravante di aver voltato le spalle all’Europa dei lavoratori? Quei lavoratori in nome dei quali molti degli euroentusiasti di oggi si sono costruiti gran parte della loro carriera politica con relative prebende e allori istituzionali una volta avversati.

Leggi tutto...
 
Colpirne uno per educarne cento Stampa Email
Europa
Scritto da La Redazione   
Domenica 04 Ottobre 2009 18:49

Il referendum irlandese ci mostra l’ultimo approdo della “democrazia” europea: spaventare un popolo di 4 milioni per approvare un Trattato che deciderà la vita di 500 milioni di persone.

Nel giugno 2008 gli irlandesi – unico popolo europeo chiamato ad esprimersi con un referendum – dissero no all’adesione al Trattato di Lisbona. Fu un risultato netto quanto imprevisto, di fronte al quale i vertici della UE reagirono imponendo all’isola ribelle un nuovo referendum. In Europa la democrazia funziona così: se dici sì al volere delle oligarchie sei un popolo molto democratico, se per caso dici no sei soltanto un irresponsabile da rieducare.

Leggi tutto...
 
IRLANDA: BREVI NOTE SUL REFERENDUM Stampa Email
Europa
Scritto da redazione   
Giovedì 26 Giugno 2008 09:14

IRLANDA

Brevi note sull'esito del referendum

 

Può un paese di poco più di 4 milioni di abitanti incidere seriamente sulle sorti di una Unione Europea che ne conta quasi 500?

Posta così la risposta sembra ovvia: non può. Non può per ragioni di peso dicono i realisti, non può per ragioni “democratiche” dicono i politicamente corretti. In ogni caso non può.

Le reazioni al 53% di no al Trattato di Lisbona provenienti dall’isola verde vanno tutte del resto in questo senso. Sarkozy e Merkel in testa, tutti a sostenere che “si deve andare avanti”. Lo impone l’economia e non solo.

In Italia, diviso il governo a causa della posizione della Lega, è toccato al solerte Napolitano suonare le trombe dell’andare avanti escludendo chi non ci sta.

Leggo dalla Reuters:

"E' l'ora di una scelta coraggiosa da parte di quanti vogliono dare coerente sviluppo alla costruzione europea - ha detto Napolitano in una nota - lasciandone fuori chi, nonostante impegni solennemente sottoscritti, minaccia di bloccarla". Avanti dunque con “chi ci sta”. Già: ma chi ci sta?Nel 2005 i referendum in Francia e Olanda bocciarono la costituzione europea, dopo di che il democraticissimo europeismo delle oligarchie disse no ad altri referendum, onde evitare la piena e poter predisporre il nuovo imbroglio di Lisbona. Questa volta su 27 democraticissimi paesi europei solo uno (e tra i più piccoli) ha optato per il voto popolare, ed è arrivato un altro no. Come già in Francia ed in Olanda, anche in Irlanda il blocco dominante (maggiori forze politiche, potere economico, media) era schierato all’unisono per il sì. Eppure, come nel 2005, hanno perso. Un risultato per niente inficiato dall’astensionismo. In primo luogo perché in Irlanda l’astensionismo è di norma assai alto, in secondo luogo – e principalmente - perché il Trattato di Lisbona è complicatissimo, che se il suo contenuto fosse stato più chiaro molte persone che si sono astenute avrebbero votato no.La dimostrazione di ciò sta nella rimonta del no nel corso della campagna elettorale, dopo che all’inizio la vittoria del sì veniva data per sicura. Insomma, mano a mano che i termini della questione si delineavano un po’ meglio il sì perdeva terreno, fino alla sconfitta di giovedì. Cosa accadrà ora? Certamente le oligarchie europee vorranno andare comunque avanti. Nonostante gli enormi mezzi di cui dispongono non hanno mai dimostrato di avere il consenso elettorale in nessun paese, ma come al solito se ne fregheranno. D’altronde non esiste un fronte del no continentale in grado di rilanciare la battaglia. Non esiste neppure in Francia e questo la dice lunga. Se questo fronte esistesse, la parola d’ordine dovrebbe essere quella del referendum dappertutto: in Gran Bretagna, dove questa opzione viene lasciata in mano ai conservatori (e tutti sanno che vincerebbe il no), in Italia dove l’antieuropeismo pare coltivato solo dalla Lega. Ma un fronte del no non esiste e gli eurocrati avranno di nuovo buon gioco a rilanciare. Lo faranno, però, sempre più deboli, sempre meno convincenti. Ma lo faranno. A quando una bella campagna contro l’Unione Europea? In Irlanda si è visto il peso della questione sociale (il no ha vinto nei distretti operai e nelle campagne) e di quello della politica militare, sulla quale il Trattato di Lisbona impone impegno e compattezza anche ai paesi neutrali. Non può essere questo un concreto terreno di azione per la costruzione dell’opposizione anche in Italia? Pensiamoci.

14 giugno 2008

 


Pagina 3 di 3

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Europa Irlanda

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.