Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi11064
mod_vvisit_counterUltima settimana135551
mod_vvisit_counterUltimo mese708161

Bolivia: Morales si riprende la rete elettrica. Dalla Spagna

E-mail Stampa

Dopo l'Argentina, ora anche la Bolivia si riprende ciò che era suo e che i governi corrotti e subalterni avevano regalato alla Spagna. Morales ha decretato la nazionalizzazione della rete elettrica finora gestita da un'impresa di Madrid.

Altro duro colpo per la Spagna stretta tra i diktat dell'Unione Europea e le rivendicazioni di sovranità economica dei paesi saccheggiati dalle multinazionali di Madrid negli anni scorsi, prima che i movimenti popolari e progressisti rimettessero in discussione la subalternità dell'America Latina agli ex colonizzatori.

Dopo la nazionalizzazione decisa dal governo argentino di Cristina Kirchner dell'YPF, ora tocca ad un'azienda spagnola operante in Bolivia.
Il presidente boliviano Evo Morales ha promulgato infatti ieri un decreto urgente attraverso il quale nazionalizza il pacchetto di azioni della Rete Elettrica Internazionale (filiale della Rete Elettrica di Spagna) nell'impresa Transportadora de Electricidad (Tde). Lo stato boliviano ripubblicizza quindi il 99.9% delle azioni finora in mano alla multinazionale energetica spagnola.

«Il decreto ha come obiettivo la nazionalizzazione a favore della Empresa Nacional de Electrificacion (Ende, impresa pubblica boliviana) del pacchetto azionario della società Rete elettrica internazionale (filiale internazionale di una compagnia spagnola) nell'Impresa Transportadora de Electricidad», ha detto Morales leggendo il Decreto supremo numero 1214. A giustificazione del gesto il fatto che la società (e il suo predecessore Union Fenosa) hanno investito negli ultimi 16 anni "appena 81 milioni di dollari, una media di cinque milioni l'anno". Nel decreto che Morales ha letto ieri pubblicamente il Governo di La Paz si impegna a contrattare una impresa indipendente per fissare il valore dell'esproprio entro 180 giorni.

Intanto, per evitare brutte sorprese, il presidente ha dato disposizione affinchè l'esercito vigili sugli stabilimenti della compagnia, che si trovano a Cochabamba, nel centro del Paese andino. Ieri un drappello di militari si è già presentato negli uffici dell'impresa.

Non è la prima volta che il governo di sinistra boliviano, nato sulla spinta delle lotte popolari e indigene contro la svendita dell'acqua e del gas alle multinazionali straniere, nazionalizza compagnie controllate da paesi occidentali. Nel 2008 Morales aveva nazionalizzato tre compagnie petrolifere (Compania Logistica de Hidrocarburos, Chaco, Andina), una rete di trasporto di idrocarburi (Transredes) e la compagnia telefonica Entel, filiale di Telecom Italia. Nel 2009 toccò invece alla compagnia aerea Air BP e nel 2010 fu il turno di 4 imprese elettriche.

Il decreto è stato presentato durante una cerimonia pubblica in occasione del Primo maggio come un «giusto riconoscimento ai lavoratori boliviani «in lotta per recuperare il controllo sulle proprie risorse nazionali e servizi di base». Il capo di stato ha evidenziato che sulla base della Costituzione e del Piano nazionale di sviluppo, «la politica del governo punta a recuperare il controllo, l'amministrazione e la direzione delle imprese strategiche». Empresa Transportadora de Electricidad era infatti stata privatizzata nel 1997. «Questa azienda prima era nostra - ha giustamente osservato Morales - e quello che era nostro ora lo stiamo nazionalizzando». L'impresa possiede 2.772 chilometri di linee di trasmissione e controlla il 74% della rete nazionale elettrica.

Un altro inatteso e forte smacco per le multinazionali iberiche e in particolare per il governo di destra di Mariano Rajoy, che da quando è in carica sta utilizzando toni nazionalisti e populisti verso i partner e i competitori internazionali per nascondere la macelleria sociale che sta operando all'interno del paese.

Da parte sua, così come aveva fatto la Repsol dopo la nazionalizzazione della controllata argentina, Red Electrica minimizza gli effetti della decisione di Evo Morales, dichiarando che le sue attività in Bolivia pesano solo per l'1,5% del totale delle sue entrate e facendo sapere di non aspettarsi alcun impatto rilevante. Eppure il suo titolo alla borsa di Madrid cede stamattina il 2,86% del suo valore.

Mentre i rappresentanti della Commissione Europea si dicono 'preoccupati' per la decisione del governo boliviano, i sindacati del settore energetico di La Paz applaudono. Il segretario della Confederación Sindical Unica de Trabajadores de Luz y Fuerza, Telecomunicación, Agua y Gas de Bolivia, Rubén Dario, ha definito storica la decisione. "I miei ringraziamenti al fratello Presidente per questa azione" ha detto Dario, mentre il segretario del Sindacato dei Lavoratori della TDE, Edwin Vargas, ha espresso il totale appoggio dei dipendenti della compagnia alla nazionalizzazione.


da contropiano.org

 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Secondo Fronte Bolivia Bolivia: Morales si riprende la rete elettrica. Dalla Spagna

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.