Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi14234
mod_vvisit_counterUltima settimana99086
mod_vvisit_counterUltimo mese531986

La Dignità approda a Gaza

E-mail Stampa

Nei giorni del tripudio generale per l’elezione di Barak Obama Israele ha rotto la tregua, che durava da giugno, con la Striscia di Gaza. Oggi i carrarmati e i bulldozer sono entrati nella città di Khan Younes, a sud della Striscia, distruggendo il poco di cui dispone la popolazione. La Resistenza c’è e combatte.

 

Il governo prova a rassicurare i media, ma le spara troppo grosse

E-mail Stampa

Anche Amnesty International scende in campo per parlare della violazione dei diritti umani in Colombia. Non si tratta certamente di un’organizzazione antimperialista o rivoluzionaria, ma vale la pena spendere qualche minuto per leggere i dati elencati nel rapporto dal titolo “Lasciateci in pace!”, disponibile (per ora) solo in lingua inglese. Emerge un sostanziale disegno governativo colombiano, teso a rassicurare i media internazionali, ma totalmente lontano dal vero.

Leggi tutto...
 

Il nucleare italiano nella colonia albanese?

E-mail Stampa

“Centrale atomica in Albania? Frattini da Tirana: ipotizzabile”. Con questo titolo, il Corriere della Sera del 28 ottobre confermava quel che da tempo è ben noto a chi segue i rapporti Italia – Albania.
Rapporti di tipo coloniale, che includono una significativa presenza di truppe italiane nel paese delle aquile.
Quale sia la dipendenza economica dell’Albania dall’Italia è rilevabile da queste nude cifre pubblicate sul sito della Farnesina: Primo partner commerciale dell’Albania, primo investitore per numero di imprese operanti nel Paese, primo donatore bilaterale, l’Italia ha confermato nel 2007 la posizione di leader con una quota del 35% del commercio albanese. Rispetto al 2006, le esportazioni italiane sono aumentate del 21% (€ 815,1 milioni) e le importazioni del 10,8% (€ 460 milioni). Tassi di crescita costanti (circa il 6% annuo da un decennio) ed una politica fiscale volta a favorire gli investimenti dall’estero hanno consentito il progressivo radicamento dei nostri investimenti nel Paese. La prospettiva europea di Tirana rafforza tale tendenza”.

Leggi tutto...
 

I curdi iracheni e la permanenza delle forze d’occupazione

E-mail Stampa

L’edizione in inglese di Al Jazeera.net ci informa che Massud Barzani, che dirige l’ amministrazione del Kurdistan iracheno, ha offerto agli americani la sua regione come sede delle loro basi militari qualora non si raggiunga un accordo (la cui bozza è ancora in discussione per gli emendamenti presentati dal governo iracheno) fra Iraq e Stati Uniti in merito alla permanenza delle truppe anche dopo la scadenza del mandato ONU il prossimo 31 dicembre.

Leggi tutto...
 

Voci fuori dal coro

E-mail Stampa

Nel tripudio generale “Annuntio vobis gaudium magnum: habemus Papam”, dalla Striscia di Gaza lucide voci fuori dal coro.

Gaza - Infopal. Barack Obama, il candidato democratico afroamericano ha stravinto la competizione elettorale contro il repubblicano e religioso fondamentalista, erede della politica guerrafondaia dei Bush, John McCain.
C'era attesa nei territori palestinesi, anche se la popolazione non si aspetta un grande cambiamento nella politica estera Usa.

 

Altro che "Altra America"!

E-mail Stampa

Brevi note sulle elezioni americane

Come previsto un po’ da tutti, Barak Obama è il nuovo presidente degli Stati Uniti.
Sul significato della sua elezione abbiamo già scritto e pubblicato diverse cose (vedi in particolare Obama o McCain: cosa può cambiare e La strategia dell’ultima chance).
Oggi ci limitiamo ad alcune note, con lo scopo di avviare una discussione razionale sul nuovo quadro aperto dal voto americano. In realtà, sappiamo che oggi una discussione razionale è quasi impossibile vista l’isteria collettiva che domina in ogni dove. Ma ben presto l’insopportabile Obamania lascerà il posto alle questioni reali, ed il nuovo inquilino della Casa Bianca dovrà cimentarsi soprattutto con il compito di ricostruire la credibilità dell’Impero.

Leggi tutto...
 

L’isteria anti islamica bypartisan

E-mail Stampa

 Riceviamo e volentieri pubblichiamo una lettera giunta a islam.forump che la dice lunga sul punto cui è giunta in Italia l’isteria anti islamica. Si tratta ormai di una vera e propria patologia che, come emerge dall’odissea del cittadino immigrato Zarli Youness, colpisce in maniera bypartisan entrambi gli schieramenti che nello scorcio di questo inizio millennio si sono alternati al governo del Paese. Solleciteremo alcuni parlamentari particolarmente sensibili a questo tipo di problematiche e invitiamo tutti coloro che a vario titolo possono far qualcosa (per es. avvocati e associazioni che si occupano di immigrazione e diritti umani) ad attivarsi per metter fine a questa brutta storia.

La Redazione

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Pagina 565 di 577

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home