Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi146
mod_vvisit_counterUltima settimana185166
mod_vvisit_counterUltimo mese481236

A 5 anni da Nassiriya

E-mail Stampa

Un po’ di storia recente
Tutto sommato il 5° anniversario dell’attacco di Nassiriya è passato abbastanza inosservato, ma governo e finta opposizione parlamentare hanno comunque fatto a gara anche quest’anno per aggiudicarsi il premio dell’ipocrita d’oro.
Al ministro della Difesa, La Russa, che ha proposto di fare del 12 novembre la “Giornata del ricordo di tutti i caduti in missione di pace”, è arrivato il plauso della ministra del governo ombra del PD, Roberta Pinotti. Sapevate che esistesse costei? Esiste ed è pure ministra alla Difesa, sia pure soltanto “ombra”.

Leggi tutto...
 

Congo. L’infinita guerra per procura

E-mail Stampa

In un recente articolo dedicato alla strategia statunitense in Africa avanzavamo il dubbio, puramente retorico, sulla definizione  di “guerra etnica” che ridonda nei media occidentali quando scrivono o parlano del conflitto che si sta svolgendo nella regione di Kivu, aggiungendo le consuete litanie filantropiche che esecrano l’ennesima catastrofe umanitaria, e tacendo, da brave scimmie urlatrici degli interessi dominanti, sulle sue cause e le sue dinamiche . En passant: come fa una catastrofe ad essere umanitaria? Trattasi semmai di catastrofe umana. Corbellerie della semantica politicamente corretta!

Leggi tutto...
 

L'ora dello sciacallo. Note sulla crisi finanziaria

E-mail Stampa
Pubblichiamo questo interessante contributo di Michele Basso sulla crisi finanziaria.
L'articolo parte dal "caso Islanda" per passare poi ad un'analisi più generale sulle prospettive del capitalismo.
Ogni tanto, il velo propagandistico con cui i governi e i media di regime cercano di nasconderci la verità si squarcia, e alcuni fatti, e persino singole frasi sfuggite ad un uomo politico, possono farci comprendere molte cose.
 

Israele e il post-Sionismo

E-mail Stampa

Riceviamo e pubblichiamo questo contributo.

Israele e il post - Sionismo

di Dimitri Nilus

Il movimento del post-Sionismo emerge tra la prima e la seconda Intifada per sperimentare poi una fase di sostanziale regresso dopo l’affermazione di Sharon. Sta riemergendo solo ora in seno alla società sionista, ma questa volta, a nostro modesto avviso, in modo molto forte.
Va detto che rispetto all’originario movimento post-sionista, che era soprattutto un movimento marginale di scuola storica, oggi talune nuove prospettive strategiche finiranno sempre più per coinvolgere una parte molto importante dell’elite culturale sionista stessa.

Leggi tutto...
 

Un'Europa più "americana"

E-mail Stampa

“Anni e anni di pro-americanismo represso traboccheranno non appena alla Casa Bianca ricomincerà a risuonare la musica d'atmosfera del multilateralismo”.
Con questa affermazione, John Laughland sintetizza quello che sarà l’atteggiamento dei leader dell’Unione Europea di fronte alla nuova amministrazione americana.

Leggi tutto...
 

"Africa Command" significa Colonialismo

E-mail Stampa

Nella recrudescenza del conflitto fra i ribelli congolesi banyamulenge e il governo del Congo – Kinshasa nelle regione di Kivu, al confine con il Ruanda che appoggerebbe i banyamulenge perché, si afferma comunemente, appartenenti all’etnia tutsi maggioritaria e al governo appunto in Ruanda, pubblichiamo un articolo davvero illuminante sui progetti statunitensi in Africa. Progetti che consistono nell’istituzione di un apposito comando militare nel continente, tradizionale teatro di contese e conseguenti spartizioni fra le potenze coloniali europee (in primis Francia e Gran Bretagna), malamente mascherato da “partenariato civile – militare”.

Leggi tutto...
 

Obama, un giudizio dall’inferno

E-mail Stampa

 Un killer dell’ Osbat al-Ansar o del Jund al-Sham? Quale dei due gruppi islamisti radicali avrà ucciso l’esponente di al-Fatah Mostapha al-Khatib? O si è trattato forse di una faida interna al movimento di Fatah?
Di questo si discuteva giovedì scorso, 6 novembre, nel labirinto di vicoli, tra gli anfratti di Ein el-Hilwe (il più popoloso e significativo campo profughi palestinese in Libano) presidiati da questa o quella milizia armata. Ma sì, forse sono stati i ragazzi del Jund al-Sham, per vendicarsi dell’attacco subito due mesi fa da parte di una delle milizie di Fatah,  l’organizzazione più consistente in questo campo e che sin dal 2003, senza successo (anzi al costo di serie perdite), tenta di espellere dal campo profughi i gruppi islamisti combattenti che alcuni sbrigativamente mettono nel stesso sacco salafista.

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Pagina 580 di 593

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.