Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi8127
mod_vvisit_counterUltima settimana129992
mod_vvisit_counterUltimo mese609897

La rivolta in Siria: «Le nostre divergenze con il Cns e i fondamentalisti islamici»

E-mail Stampa

Intervista esclusiva ad Abdalaziz al-Khair

Abdalaziz al-Khair
è stato un membro di spicco del Partito d'azione comunista (Pac). Perseguitato dal regime di Assad padre, dovette vivere in clandestinità per più di dieci anni. Fu arrestato e torturato nel 1992, condannato a 22 anni e rilasciato nel 2005.

Nel 2007 ha partecipato alla fondazione della "Assemblea della Sinistra", che comprendeva il Partito d'azione comunista, il Partito curdo di sinistra, il Gruppo dei comunisti siriani, l'Assemblea marxista democratica e il Comitato di coordinamento dei membri del Partito comunista siriano – Ufficio politico. E’ stato tra i fondatori, nel giugno 2011, del Coordinamento nazionale siriano per il cambiamento democratico (Cnscd), il cui portavoce è Haytam Manna.


Premessa a cura della Redazione

Proprio perché siamo antimperialisti non dimentichiamo mai il criterio principale: la distinzione tra oppressi e oppressori. Da dove viene la ribellione in Siria se non dalla situazione di oppressione economica e politica di gran parte delle masse povere? Liquidare una rivolta che dura da più di un anno come un complotto imperialista non è solo una sciocchezza, è una bestialità.
C'è poi un secondo criterio, quello geopolitico. Un regime può essere allo stesso tempo oppressore, e giocare un ruolo antimperialista. Ma questo suo ruolo antimperialista non lo trasforma in un regime democratico o rivoluzionario.


Abbiamo in Siria, come del resto in altri paesi, un ossimoro: quello di un regime dispotico ma antisionista e antimperialista. In questi casi non possiamo difenderlo come se fosse un'astratta entità monovalente. C'è una contraddizione, ed è proprio su questa contraddizione che fanno leva i nostri nemici imperialisti. Finché non si risolve la contraddizione la Siria sarà in pericolo. E come si risolve? Combinando antimperialismo, giustizia sociale e democrazia.

Noi diciamo no ad ogni
regime change filo-imperialista, siamo invece per la rivoluzione democratica , e quindi sosteniamo la sinistra siriana raccolta nel Cnscd contro il Cns e gli agenti delle monarchie arabe e della Turchia. Qui sotto l’intervista ad al-Khair, che condividiamo nelle grandi linee.


D: Lei è stato tra i fondatori del Coordinamento nazionale per il cambiamento democratico (Cncd) [http://syrianncb.org/] con l'obiettivo di partecipare al movimento popolare e di rappresentarlo. Come è sorto questo movimento? Perché chiede di rovesciare in modo radicale il regime?

R. Il movimento popolare è in realtà una rivoluzione politica, il risultato di una lunga storia politica. Le condizioni oggettive sono stati il ??trasferimento delle dinamiche di questo movimento dallo spazio intellettuale alla società più in generale. Siamo rimasti stupiti, comunque. E' stato simile a quello che avevamo sognato, anche se tutto è nato in una forma diversa. Il movimento di massa non segue le classificazioni di routine e gli schemi. Non è una rivoluzione di operai o contadini o di forze politiche organizzate. Ciò ha confuso molti, che non si aspettavano di vedere masse spontanee. La spontaneità del movimento è stata una sorpresa per il popolo siriano, così come per il regime e l'opposizione. Nessuno aveva creduto nella possibilità di un tale evento. Tuttavia il regime l’ha considerato un complotto. Le forze politiche sono prudenti nel rapportarsi al movimento, mentre alcuni settori della società sono ancora indecisi da che parte stare.

Si tratta di una rivoluzione delle classi medie e inferiori. Ma il vuoto causato da decenni di oppressione, isolando le persone dalla politica, ha portato ad un evidente debolezza organizzativa dei partiti o meglio di ciò che ne rimane. Molti non sono nemmeno a conoscenza dell'esistenza di questi partiti e delle loro lotte. Aggiungi a questo l’assenza di veri e propri sindacati che rappresentino gli interessi dei loro iscritti. Quello che esiste sono semplici scheletri sindacali subordinati al potere dominante. Questi sindacati non difendono gli interessi dei loro membri. Organizzazioni civili indipendenti sono assenti, a causa del lungo periodo di repressione.

Come risultato, la rivoluzione è necessariamente spontanea e non organizzata. Nonostante il successo del regime nell’indebolire e schiacciare le organizzazioni politiche, civili e sindacali, la rivoluzione siriana è scoppiata — come anelito per la libertà, per la giustizia e lo Stato di diritto; per porre fine alla corruzione — e non può più essere soppressa.
Crediamo che ci siano due motivi fondamentali che spiegano l’attuale situazione.

In primo luogo, la dittatura e la sua corruzione con tutta la soppressione sistematica di qualsiasi attività politica indipendente e libertà di pensiero; l’orrore che tormenta costantemente i cittadini siriani ogni volta che debbono affrontare i problemi politici nella loro vita privata e pubblica: la legge basata su decreti e ordinanze, che spesso vengono emanate oralmente e violano la legge scritta, le deroghe alle legge per coloro che sono fedeli al regime. La ricchezza della società è a disposizione del regime e dei suoi compari. Questo ha creato la sensazione di discriminazione alla base della piramide sociale: sentirsi spogliati dei più elementari diritti civili, come il diritto al lavoro, all’alloggio, a viaggiare all'estero, ecc. Nel frattempo, in cima alla piramide, avvengono casi scandalosi di corruzione intorno ai grandi affari e ai grandi investimenti.

In secondo luogo, le politiche economiche di liberalizzazione per il capitale privato adottate fin dai primi anni ‘90. Sotto la pressione della Banca Mondiale e delle altre istituzioni finanziarie internazionali, le porte a capitali arabi e stranieri sono state aperti. Dopo il 2000, queste politiche sono state ulteriormente accelerate. Il ruolo dello Stato nell'economia si indeboliva a favore del capitale privato. Si è sviluppata così una nuova alleanza tra le élite economiche vicine al potere dominante e i capitali arabi e internazionali. Questa apertura, tuttavia, è stata selettiva e talvolta anche casuale. Come questi cambiamenti hanno iniziato ad accumularsi, i settori produttivi sono state indeboliti.

Queste deformazioni strutturali dell'economia siriana, che già presenti in precedenza, hanno aumentato la dipendenza dal mercato mondiale. Ciò è avvenuto a scapito delle classi più umili e di quelle medie, che prima godevano almeno, in una certa misura, del diritto al lavoro e del welfare state. La disoccupazione è così andata alle stelle. Tutto ciò ha danneggiato anche il settore dei capitalisti non legato al potere. L’aumento delle differenze di classe ha portato allo sviluppo di un’élite con fantastiche ricchezze a disposizione, un lusso senza precedenti, di converso si sono abbassati il tenore di vita dei segmenti medi e bassi della società.

Questi due fattori sono stati amplificati dal clima creato dalla primavera araba. Questa ha rinnovato la speranza nel cambiamento e rafforzato la fiducia del popolo nella sua capacità di cambiare le cose. La primavera araba ha fornito l'esempio che i siriani hanno poi cercato di seguire. I siriani non si considerano inferiori a nessun altro popolo. Al contrario, essi sono orgogliosi della loro storia culturale e radicata civiltà.

Tutti gli elementi per una esplosione erano quindi maturi, quando gli eventi di Dar'a hanno fornito la scintilla che ha scatenato la rivoluzione. In Dar'a, tutti gli elementi di cui sopra convergettero e portarono all’esplosione di furore popolare. Altre regioni hanno risposto aderendo all’ampio movimento di protesta. Condizioni rivoluzionarie cominciarono a prevalere in diverse parti della Siria. In un primo momento, tutto si svolgeva all’insegna della riforma. All'inizio, le richieste erano ben lungi dall'essere radicali, se le si confronta con la fase attuale. La gente sperava che le autorità avrebbero risposto alla domanda di riforma. Ma è successo invece il contrario. Il regime ha represso il movimento con le sue ben note misure di sicurezza, insieme con le solite accuse: i terroristi, i salafiti, i palestinesi, i jihadisti, ecc

Le richieste di riforma si sono scontrate con la struttura estremamente centralizzata del regime siriano. Stiamo parlando di un regime totalitario, non solo nei confronti della società in generale, ma anche verso le sue strutture interne, gli organi e le istituzioni. Il processo decisionale è monopolio della cupola del regime. Esso è condiviso da un piccolo gruppo di persone che tutto tiene sotto il suo proprio controllo. Il fatto che la struttura di potere non consenta a nuovi protagonisti o forze di emergere all'interno delle sue istituzioni, lo priva della flessibilità e della capacità di adattarsi ai cambiamenti. Di fronte ai nuovi sviluppi il potere può quindi reagire solo nel suo modo tradizionale e meccanico.

Questo indurimento del regime è avvenuto nel nuovo contesto storico e politico, vale a dire l’esistenza dei nuovi media. Questi hanno fornito gli strumenti di comunicazione agli attivisti, permettendo loro di scambiare idee e coordinarsi tra loro. Così essi hanno sostituito i mezzi tradizionali di comunicazione, che sono proibiti in Siria, come la stampa e gli incontri politici. Il regime non era in grado di vietarli. Così i nuovi media hanno potuto svolgere un ruolo importante nello svelare le misure repressive del regime, sia alle masse siriane, che all'opinione pubblica internazionale. Questo ha impedito al regime di nascondere i suoi crimini, che si sono svolti sotto gli occhi vigili delle telecamere, ciò che ha profondamente sconvolto i meccanismi di funzionamento dell'apparato repressivo. Come altrove, dipende dal silenzio la possibilità di evitare una reazione della pubblica opinione.

Ogni singolo caso di oppressione alimentava proteste ulteriori, reazioni a catena ed una radicalizzazione delle richieste politiche. La gente si sentiva sempre più umiliata, le richieste venivano ignorate, mentre lo spargimento di sangue aumentava. Così alla fine il popolo è giunto alla conclusione che il regime doveva essere rovesciato.


D: Perché questa richiesta è scomparsa dalle tue dichiarazioni, ciò che ha fatto infuriare parte dei manifestanti?


R. La richiesta, in realtà, è implicitamente inclusa in tutte le nostre dichiarazioni. Ma non abbiamo usato l'espressione letterale del rovesciamento. Parlare della transizione dal regime totalitario presente ad una democrazia parlamentare pluralista, nel segno di patriottismo siriano, in realtà significa rovesciare il regime, per di più indicando un'alternativa. In altre parole: noi divergevamo da coloro che chiedevano il rovesciamento del regime in quanto differiamo sul sistema per cui lottiamo. Coloro che ci criticano ci dovrebbero dire come un regime patriottico, democratico, parlamentare e pluralista, potrebbe essere istituito senza rovesciare l'attuale regime.

Più tardi, tuttavia, abbiamo accettato la richiesta della rivoluzione di strada e avanzato esplicitamente lo slogan di rovesciare il regime. Ammettiamo che all'inizio non siamo stati capaci di tradurre il nostro concetto di cambiamento in un semplice slogan che si adattasse ai sentimenti di una società in subbuglio rivoluzionario, come invece lo slogan del rovesciamento del regime è stato in grado di interpretare. I nostri rivali politici hanno sfruttato questa nostra debolezza, ma a scapito degli interessi della rivoluzione e del popolo. Abbiamo superato questo errore tre mesi dopo la fondazione del Coordinamento nazionale per il cambiamento democratico (Cncd), ma abbiamo dovuto pagare un prezzo enorme.


D: Perché è stato formato il Coordinamento nazionale siriano per il cambiamento democratico (Cnscd) e quali correnti ne fanno parte?


R. Per molti anni, gli attivisti siriani e i cittadini hanno sognato di costruire una vasta coalizione politica per il cambiamento democratico. I diversi partiti e le loro rispettive coalizioni non erano in grado di farlo, anche se c'era un sentimento diffuso per il cambiamento democratico e la fine della dittatura. Un primo tentativo, in questo quadro, ha avuto luogo nel 2005, con la formazione della "Dichiarazione di Damasco per il cambiamento democratico", che comprendeva molti partiti e individui provenienti da contesti molto diversi. Ma questo tentativo, dopo due anni, è fallito. Altri tentativi di creare una tale alleanza ci furono nel 2009, ma non andarono in porto, a causa della mancanza dell’unità politica necessaria. Lo scoppio della rivolta, nel marzo 2011, ha dato lo slancio necessario. E’ in questo momento che nasce il Coordinamento nazionale siriano per il cambiamento democratico (Cnscd). Dopo tre mesi di discussioni, ampie e difficili, alle quali presero parte forze e personalità di tutte le tendenze intellettuali e ideologiche, il Cnscd venne fondato il 30 giugno 2011. In questo processo parteciparono nazionalisti, sinistroidi, liberali, islamisti illuminati, kurdi e assiri, in rappresentanza di tutti i colori dello spettro religioso e sociale siriano.

Il motivo essenziale per tutti noi era la formazione di un ampio quadro politico che rappresentasse veramente lo spettro politico siriano e realizzare il cambiamento democratico nazionale. La forza motrice principale sarebbe dovuta essere il potere al popolo e la rivoluzione. La piattaforma del Cnscd era quella di proteggere il paese contro i pericoli di un intervento militare straniero, del settarismo religioso, e della militarizzare della rivoluzione, che avrebbero causato una guerra civile. L'iniziativa rifiutava l'esclusione di qualsiasi corrente politica, ad eccezione di quelli che si sarebbero auto-esclusi. Il Cnscd ha chiesto di realizzare un cambiamento democratico in un modo che garantisse l'unità del popolo e la protezione della sovranità nazionale. I cambiamenti non si sarebbero dovuti realizzare a prescindere dai mezzi impiegati e dalla forza impegnata. Ci siamo indirizzati verso un'alternativa storica che tirasse fuori il paese dalle macerie del regime.

Ben presto sorsero differenziazioni politiche e programmatiche. Ci furono alcuni che con veemenza invocavano il cambiamento anche per mezzo di un intervento militare straniero, sull’esempio del modello libico, dato che secondo loro non c'era niente di peggio che il regime esistente. Qualsiasi alternativa a Bashar sarebbe stata un male minore, nonostante i pericoli della militarizzazione e della guerra civile — che alcune forze, interne ed esterne fomentavano. Il nostro Coordinamento respinge fermamente e in linea di principio questo punto di vista.


D: Lei è stato una figura di spicco dell’ex Partito d'azione comunista. Come valuta la posizione delle forze di sinistra, arabe e internazionali, sugli eventi siriani?


R. La sinistra vera, araba e internazionale, è stata ed è con il popolo siriano. Il problema sono sempre stati i partiti stalinisti e i satelliti sovietici. Per loro, il criterio esclusivo di giudizio è la posizione del regime sui conflitti internazionali. In verità è un principio storico della sinistra che il giudizio nei confronti degli Stati e dei partiti dipende dalle politiche di questi ultimi nei confronti dei loro stessi popoli. Noi critichiamo la deformazione di certa “sinistra". Questa deformazione, mettere la realpolitik in stile sovietico al primo posto, è una delle cause della sconfitta della sinistra internazionale Sin dalle sue origini il partito d’azione comunista siriano apparteneva alla Nuova sinistra. Questa sinistra, critica dello stalinismo, apparve nel decisivo periodo della fine degli anni Sessanta del secolo scorso. Restiamo fedeli a queste radici.

E’ certo che il regime siriano era alla sinistra degli altri regimi arabi, sia in merito alla questione nazionale così come su alcune questioni sociali. Ma spesso questo era solo un aspetto superficiale della sua politica, non un dato davvero fondamentale. Pur essendo molto pragmatico, il regime siriano ha cercato, per il suo proprio vantaggio, di difendere questa posizione all'interno del mondo arabo. Quando tutta la scena araba si è spostato a destra, il regime siriano, senza esitazione, si spostato a destra a sua volta, ma sempre restando sul fianco sinistro. Così, siccome ne aveva bisogno, esso ha compiuto sforzi costanti per mantenere buone relazioni con l'America Latina, con la Cina e altri paesi asiatici.

Questa situazione è cambiata con l'inizio dell’attuale rivoluzione popolare, soprattutto quando le pratiche repressive del regime sono diventate evidenti. Quello che oggi è alla luce del sole è il cuore della politica che il regime ha praticato di nascosto per decenni. La sua politica estera, ammirata da alcuni esponenti della sinistra e certi patrioti, è stata utilizzata come una copertura. Sono stati ingannati, ma la verità viene a galla ogni giorno di più, il regime perde i suoi amici e i suoi alleati uno dopo l'altro. Essi stanno raggiungendo le fila di coloro che ritengono necessario rispondere alle richieste del popolo.

E' davvero sorprendente come il regime chiuda gli occhi e vada avanti cocciutamente nella sua linea crescente di oppressione e brutalità. Il regime sta stringendo il cappio intorno al proprio collo, senza ascoltare amici e alleati, che mette in imbarazzo, accusando quasi tutto il mondo di cospirare contro di esso.


D: Sin dalla sua creazione, il Cnscd è stato accusato di negoziare con il regime siriano e di poca determinazione nel sostenere le mobilitazioni.


R. Tutte queste accuse provengono da forze politiche caratterizzate da una mentalità per cui si accusa i loro rivali politici di tradimento. Esse hanno inoltre applicato questo metodo contro diversi loro seguaci dissidenti. La gente oramai si rivolta contro questa concezione. Sono il metodo e la concezione dello stesso regime totalitario. E’ comprensibile che il decennale monopolio del regime sulla vita politica e sui media, ha lasciato un segno forte sulla coscienza pubblica, così come sulla cultura politica. Certamente sforzi enormi sono necessari per superare questa cultura poliziesca del sospetto, del tradimento e dell’esclusione.

Molte forze politiche e media, arabi e stranieri, hanno contribuito a diffondere queste accuse contro di noi. Sono stati molto decisi nel non darci la possibilità di difenderci. Non siamo stati stupiti di essere attaccati da forze straniere che non hanno a cuore la sovranità nazionale della Siria né gli interessi del popolo e della rivoluzione. Esse semplicemente seguono i loro propri interessi. Ma non ci aspettavamo che le stesse forze politiche siriane ci avrebbero combattuto con questi stessi metodi. Noi li consideriamo come parte della arretratezza culturale della tirannia. Essi rappresentano il passato che dobbiamo lasciarci, prima o poi, alle spalle, non sono né la rivoluzione né la sua rappresentazione. Queste forze sono parte della contro-rivoluzione, e anche se si oppongono ad Assad hanno la stessa natura del regime.

Il Cnscd, grazie al suo programma, alla sua cultura, alla sua pratica, è il vero avversario democratico del regime. Ma contrariamente agli altri, insiste su un sistema alternativo, un regime veramente democratico, che risponda alle esigenze del popolo e della rivoluzione. Il Cnscd si rifiuta di ipotecare se stesso alle forze straniere, sotto qualsiasi pretesto o teoria. Respinge fermamente ogni cambiamento che minacci il paese con occupazione straniera o che consegni il futuro del popolo siriano a forze straniere, o a coloro che spingono il paese nella guerra civile. Noi rifiutiamo quei "progetti per il cambiamento" che in realtà condurrebbero ad un regime altrettanto dittatoriale, che non sarà meno dittatoriale, e che potrebbe essere pure peggiore.

Questo è il motivo per cui stiamo combattendo, assediati e nonostante non cessino i tentativi di distorcere la verità. Tutti coloro che ci stanno diffamando, seguono i loro interessi egoistici a scapito degli interessi del popolo siriano, della sua rivoluzione, del futuro democratico, dell’unità popolare, della sovranità nazionale e della pace sociale.

La nostra coerenza è la prova che queste accuse sono false. Il regime ha chiamato per mesi al “dialogo”, ma il Cnscd si è rifiutato di parlare con il regime e ha ripetuto le sue richieste: fermare le uccisioni, ritirare l'esercito, rilasciare i detenuti, perseguire i responsabili dei crimini e dellaa corruzione; tutto questo per creare un clima che permettesse un processo politico per far fronte alle legittime richieste del popolo e che portasse alla sostituzione della dittatura con un governo democratico parlamentare e pluralista.

Sia il regime che i suoi avversari (che sono della stessa razza) stanno spingendo il paese verso un intervento militare straniero, verso la guerra civile, la disintegrazione dell'unità sociale e i conflitti settari. Nel frattempo noi siamo invece per un regime democratico, rifiutiamo l'intervento militare straniero, il settarismo e la militarizzazione.

Il dialogo in sé non è un problema, fintanto che tieni fede ai tuoi principi. Si tratta di un metodo di lotta che potrebbe servire all'obiettivo della rivoluzione, dipende dai rapporti di forza. Ci si può sedere al tavolo delle trattative con un amico, un nemico o un rivale, e rimanere radicali e fedeli ai propri obiettivi e agire per realizzarli. Come ci si può arrendere e alzare bandiera bianca sul campo di battaglia senza neanche il dialogo. Tutto questo è accaduto molte volte nella storia, in molte parti del mondo. Rifiutare o accettare il dialogo non è una misura, né del radicalismo, né della forza né della debolezza. La misura e la prova stanno nel modo di agire e nella posizione che si adotta al tavolo dei negoziati e lontano da esso, al fine di perseguire i tuoi obiettivi nel modo migliore possibile.


D: Il Consiglio nazionale siriano (Cns) rifiuta il dialogo con il regime. Esso sembra l’opposizione più intransigente.


Non è possibile parlare del Cns come fosse una massa uniforme. Il Consiglio comprende sia le forze che vogliono un regime democratico liberale ed altre molto distanti dalla democrazia. Ci sono alcuni fondamentalisti islamici rigoristi, alcune persone apertamente settarie, altri sono individui che sono difficili da classificare, e alcuni semplicemente seguono i propri ristretti interessi personali. Finora il Cns non ha indicato un valido modello di democrazia — né nel suo programma, né nella sua pratica. Vi è piuttosto una preoccupazione reale che per le forze dominanti del Consiglio la democrazia sia solo uno slogan, qualcosa che deve essere utilizzato strumentalmente per prendere il potere. In seguito si potrebbe adottare un regime che non ha nulla a che fare con la democrazia, un modello che può rivelarsi solo una ristampa del libro della tirannia, solo stampato con un inchiostro diverso, ma con un contenuto chiaramente dispotico. Da questo punto di vista non vedo a quale titolo essi si dichiarano diversi del regime.


D: Alcuni si chiedono in che misura il vostro Coordinamento abbia davvero un seguito di massa. Ogni movimento popolare ha bisogno di un’élite che lo indirizzi. E’ sufficiente accodarsi alle mobilitazioni?


R. Quando le masse sono per le strade, allora possiamo parlare di democrazia diretta. Le persone si esprimono direttamente, senza chiedere l'autorizzazione o demandare a qualcuno di parlare in loro nome. Quindi è corretto dire che il Cnscd non rappresenta le mobilitazioni. Ma lo stesso vale per il SNC e tutte le altre élite politiche. La narrazione mediatica sulla rappresentanza che sta circolando di recente è un gioco politico con finalità precise.

Quando una manifestazione di massa dice che questa o quella persona o forza "ci rappresenta", il vero significato della frase è che queste masse in questo momento determinato ripongono le loro speranze su quel singolo o quella forza. La frase "ci rappresenta" qui non significa che le persone per strada autorizzano quell’individuo o quella forza di parlare in loro nome o agire per conto delle masse. Questo è diverso dal caso della leadership di un partito, che rappresenta sulla base di un programma, i suoi propri membri; o dal caso dei parlamentari, che rappresentano l’elettorato che ha votato per loro sulla base di un programma specifico conosciuto. Qui c'è un "patto" tra i membri e la leadership di un partito, tra un membro del parlamento e il suo elettorato, su cui si basa la capacità di rappresentanza, che ne definisce l’autorità e la durata. Per quanto riguarda la massa in rivolta, non vi è tale patto tra loro e quelli che pretendono di rappresentarli. Le masse possono ritirare la loro fiducia, l’ammirazione e la qualità di rappresentante, più in fretta ancora di come le hanno concesse. Questa è la natura della democrazia diretta e dei suoi meccanismi.

Naturalmente, le forze politiche, i partiti e i leader si sforzano di conquistare la simpatia e la fiducia popolari con mezzi onesti o disonesti, che potrebbero includere l'adulazione, la frode e l'inganno. La storia è piena di questi esempi. Le persone di principio disprezzano questi metodi e scommettono sulla giustezza delle loro posizioni e la loro conformità con gli interessi e le esigenze del popolo. Essi sperano che il pubblico vedrà prima o poi la loro credibilità e così conquisteranno il rispetto e la fiducia, in modo che possano essere considerati rappresentanti affidabili. In questo caso, la lotta per conquistare la fiducia del pubblico è una lunga e tenace battaglia le cui armi più importanti sono la verità, la continuità, la fedeltà alle persone e l’abilità nel comunicare con i propri referenti. Questo è il modus operandi che come Cnscd seguiamo.

Ci sono quelli che dicono: "Vogliamo ciò che la strada vuole e diremo ciò che dice la strada''. Questo atteggiamento riflette un tentativo di élite politiche di lusingare le mobilitazioni facendo finta di rinunciare al loro proprio ruolo direttivo (ma ciò mostra l’incapacità di esercitarlo), nella speranza di ottenere una popolarità immediata. Questo è populismo volgare che non ha nulla a che fare con il comportamento responsabile di una avanguardia politica.


* L'intervista è stata condotta dalla rivista da Al-Adab magazine (www.adabmag.com/node/458). La pubblichiamo con la gentile concessione del suo direttore Samah Idris.

** Traduzione a cura della redazione

 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home