Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi6842
mod_vvisit_counterUltima settimana269610
mod_vvisit_counterUltimo mese962175

No all’aggressione contro la Repubblica Popolare Democratica di Corea

E-mail Stampa

I venti di guerra sollevati dalla Casa Bianca vanno per adesso scemando. Trump si è dovuto accontentare di nuove sanzioni ONU contro la Corea del Nord — sanzioni severe chieste a gran voce anche dal governo italiano a guida PD, che anche questa volta non ha perso occasione per dimostrare la sua obbedienza alla super-potenza americana.

E’ un segreto di Pulcinella che il recondito obbiettivo di Washington è il famigerato “regime change”, l’abbattimento, con le buone o con le cattive, del regime nord-coreano, ciò allo scopo di allargare e rafforzare la supremazia americana in Estremo oriente nella prospettiva di contenere i suoi due potenziali avversari strategici: Cina e Russia.

Che l’obbiettivo della Casa Bianca sia il “regime change”, lo ammettono anche organi di stampa di regime:

«Missili e ordigni nucleari sono l’assicurazione sulla vita per Kim Jong-un e il suo sistema di potere». [Guido Olimpio e Guido Santevecchi. Corriere della Sera]
«Pyongyang non può rinunciare all’atomica e ai missili, sarebbe una mossa suicida: non soltanto non potrebbe più giustificare le sofferenze imposte alla popolazione per privilegiare la difesa del Paese ma la Corea del Nord diventerebbe ancora più vulnerabile a un attacco com’è accaduto all’Iraq». [Alberto Negri. Il Sole 24 Ore]

Non bastano agli americani i disastri che hanno causato negli ultimi decenni in Somalia, Afganistan, Iraq, Libia e Siria. La protervia con cui essi vogliono “esportare la democrazia” (ovvero mettere al potere dei fantocci) è la causa principale dell’instabilità globale, di guerre sanguinose e senza fine, del terrorismo.

A quei popoli ed a quelle nazioni che non vogliono finire in schiavitù non resta infatti che un’opzione: resistere. Questo è il caso della Corea del Nord, al cui popolo, non certo al regime, noi esprimiamo la nostra solidarietà.

Non ci sarà pace nel mondo fino a quando non sarà debellata ogni forma di imperialismo, fino a quando ci saranno nazioni che vogliono opprimere, dominare per depredare quelle più deboli.

Chi chiede a Pyongyang di smantellare il suo arsenale nucleare dia l’esempio. Lo diano anzitutto gli Stati Uniti (che sono stati i soli ad avere usato la bomba atomica), quindi i paesi NATO, lo dia Israele (che si è costruito un suo arsenale violando tutte le convenzioni internazionali).


Consiglio nazionale di Programma 101

12 settembre 2017

da programma 101

 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Economia No all’aggressione contro la Repubblica Popolare Democratica di Corea