Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi24504
mod_vvisit_counterUltima settimana185166
mod_vvisit_counterUltimo mese481236

No all’aggressione contro la Repubblica Popolare Democratica di Corea

E-mail Stampa

I venti di guerra sollevati dalla Casa Bianca vanno per adesso scemando. Trump si è dovuto accontentare di nuove sanzioni ONU contro la Corea del Nord — sanzioni severe chieste a gran voce anche dal governo italiano a guida PD, che anche questa volta non ha perso occasione per dimostrare la sua obbedienza alla super-potenza americana.

E’ un segreto di Pulcinella che il recondito obbiettivo di Washington è il famigerato “regime change”, l’abbattimento, con le buone o con le cattive, del regime nord-coreano, ciò allo scopo di allargare e rafforzare la supremazia americana in Estremo oriente nella prospettiva di contenere i suoi due potenziali avversari strategici: Cina e Russia.

Che l’obbiettivo della Casa Bianca sia il “regime change”, lo ammettono anche organi di stampa di regime:

«Missili e ordigni nucleari sono l’assicurazione sulla vita per Kim Jong-un e il suo sistema di potere». [Guido Olimpio e Guido Santevecchi. Corriere della Sera]
«Pyongyang non può rinunciare all’atomica e ai missili, sarebbe una mossa suicida: non soltanto non potrebbe più giustificare le sofferenze imposte alla popolazione per privilegiare la difesa del Paese ma la Corea del Nord diventerebbe ancora più vulnerabile a un attacco com’è accaduto all’Iraq». [Alberto Negri. Il Sole 24 Ore]

Non bastano agli americani i disastri che hanno causato negli ultimi decenni in Somalia, Afganistan, Iraq, Libia e Siria. La protervia con cui essi vogliono “esportare la democrazia” (ovvero mettere al potere dei fantocci) è la causa principale dell’instabilità globale, di guerre sanguinose e senza fine, del terrorismo.

A quei popoli ed a quelle nazioni che non vogliono finire in schiavitù non resta infatti che un’opzione: resistere. Questo è il caso della Corea del Nord, al cui popolo, non certo al regime, noi esprimiamo la nostra solidarietà.

Non ci sarà pace nel mondo fino a quando non sarà debellata ogni forma di imperialismo, fino a quando ci saranno nazioni che vogliono opprimere, dominare per depredare quelle più deboli.

Chi chiede a Pyongyang di smantellare il suo arsenale nucleare dia l’esempio. Lo diano anzitutto gli Stati Uniti (che sono stati i soli ad avere usato la bomba atomica), quindi i paesi NATO, lo dia Israele (che si è costruito un suo arsenale violando tutte le convenzioni internazionali).


Consiglio nazionale di Programma 101

12 settembre 2017

da programma 101

 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Le Nuove Crociate No all’aggressione contro la Repubblica Popolare Democratica di Corea

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.