Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi12544
mod_vvisit_counterUltima settimana269610
mod_vvisit_counterUltimo mese962175

Catalogna: pareva una tragedia, è finita in farsa

E-mail Stampa

Pareva una tragedia, è finita in una farsa. Il condottiero dell’indipendentismo catalano, Puigdemont — per sfuggire al giudizio della Audencia Nacional, un tribunale speciale erede di quello franchista —, è scappato in Belgio con mezzo suo governo. E’ stato accolto dai sodali dell’Alleanza neo-fiamminga (N-va), partito ultra-liberista, secessionista ed europeista.

Una vecchia amicizia quella tra Junts pel Sì, il partito di Puigdemont e N-va, visto che nel Parlamento di Strasburgo fan parte dello stesso gruppo liberista, l’Alde. Il Belgio, poi, è il Paese dove risiedono le massime autorità della Ue. Il segnale è chiaro, mentre vuole secedere da Madrid Puigdemont implora che la Catalogna sia annessa dall’Euro-Germania.

La marcia indietro dei secessionisti catalani è talmente clamorosa che hanno accettato — lasciando quindi sola la C.U.P. — di partecipare alle elezioni del 21 dicembre indette da Rajoy. Che in soldoni significa che hanno capitolato su quasi tutta la linea, di fatto accettando le clausole dell’Art. 155. E’ comprensibile che molti catalani indipendentisti che per settimane si sono mobilitati illudendosi che la secessione fosse cosa fatta, si sentano smarriti, altri traditi.

Alla fine della fiera, chi più ha guadagnato dalla politica squinternata di Puigdemont, è il fronte spagnolista, con in testa il Partito popolare di Rajoy, erede diretto del regime franchista. Questo, almeno, confermano i sondaggi pubblicati questa mattina a Madrid, mentre annaspano le forze d’opposizione, anzitutto Podemos e Izquierda Unida.

Podemos in particolare ha subito un forte contraccolpo dalla vicenda catalana. E’ notizia di ieri sera che l’ala catalana di Podemos (Podem), schierata su posizioni indipendentiste, ha abbandonato il movimento guidato da Pablo Iglesias.

Non si pensi ad una scissione su linee etno-linguistiche o nazionalitarie.

Il problema per Iglesias è più serio, si chiama Izquierda Anticapitalista, la corrente dei trotskysti che fa entrismo in Podemos. Il fatto è che l’ala catalana di Podemos è appunto capeggiata dai trotskysti, convinti assertori della secessione catalana, vicini alla C.U.P e decisi a presentarsi alle prossime elezioni in un blocco elettorale con i seguaci di Puigdemont.

La direzione di Podemos è di diverso avviso: nessuna coalizione con gli indipendentisti in vista delle prossime elezioni di dicembre, alleanza invece con Catalunya en Comù della sindaca di Barcellona Ada Colau, la quale, ricordiamo, si oppose alla dichiarazione unilaterale d’indipendenza.

Ma la questione catalana spacca anche gli stessi trotskysti. La loro principale dirigente, l’andalusa Teresa Rodriguez, assieme al popolare sindaco di Cadice Josè Maria Gonzales, sostengono la posizione di Pablo Inglesias e hanno condannato quella della loro corrente.

Insomma, l'avventurismo secessionista di Puigdemont, mentre ha portato alla fine della stessa autonomia catalana, ha rafforzato le destre spagnoliste, causando gravi fratture nei partiti della sinistra popolare.

Niente male Puigdemont! Invece di un mandato di cattura Rajoy dovrebbe darti un premio.


da sollevAzione



 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home