Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi9948
mod_vvisit_counterUltima settimana185166
mod_vvisit_counterUltimo mese481236

Nicaragua. Sollevazione popolare

E-mail Stampa

Ci sono voluti trenta morti tra i manifestanti (quasi tutti a causa del piombo della polizia), centinaia di feriti, un migliaio di arresti,  per obbligare Daniel Ortega, lo Tsipras dei Caraibi, a ritirare la cosiddetta "riforma" delle pensioni, in poche parole un taglio del 5%. Non molto penserete; molto, invece, se si considera che il Nicaragua governato da sandinisti è forse il paese più povero dell'America Latina.

Perché mai il governo ha varato questa crudele misura antipopolare?
Semplice, per rispettare il famigerato pareggio di bilancio — chiesto e imposto dai creditori del Nicaragua: Banca mondiale e Fmi — e onorare il debito.

Fa specie che un governo erede della rivoluzione sandinista del 1979 sia diventato un agente, per la precisione uno strozzino, per nome e per conto della finanza predatoria globale.  Ed è sintomatico, per capire quanto questo regime sia degenerato, che Ortega, mentre il Paese era in fiamme, abbia dichiarato che al tavolo del negoziato avrebbe accettato solo una delegazione della locale confindustria, escludendo i pensionati, gli studenti, i comitati popolari sorti come funghi in ogni angolo del Nicaragua. Un gesto che ha radicalizzato la legittima protesta sociale.

Per capire la natura sociale della sollevazione popolare si tenga conto quanto segnala EL PAIS, che la rivolta è forte proprio in quelle che sono considerate la roccaforti del FSLN. Il segno del tracollo del regime di Ortega.

La cosa non ci stupisce.
Scrivevamo l'agosto dell'anno scorso:
«Le smielate al governo di Ortega, ospitante la riunione del Foro di San Paolo, con una spruzzata di ricordo di Sandino, vorrebbero nascondere la realtà del governo dittatoriale del duo Daniel Ortega (presidente marito) e Rosaria Murillo (vice-presidente consorte). Uno dei governi più equivoci in questo momento in America Latina, con i piedi su tre staffe (i “sandinisti” addomesticati, gli Stati Uniti, la chiesa rabbonita con la proibizione dell’aborto). Anche qui un piccolo consiglio di lettura».

Non è quindi solo per pensioni dignitose che i cittadini nicaraguensi sono scesi per le strade. La "riforma" è stata infatti la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Da anni serpeggiava un profondo malessere: contro la corruzione e l'autoritarismo di un regime ossificato e nepotistico — in Italia diremmo "mafioso".

Anche il Nicaragua conferma dunque quella che possiamo considerare una legge della storia: non basta la miseria generalizzata a scatenare l'incendio sociale. Devono entrare in gioco altri fattori, politici e morali, tra i quali un disprezzo generale per chi comanda, per il regime. Deve esserci la sensazione che il regime, oltre che odioso, è debole, che quindi un cambiamento radicale non è solo necessario ma possibile.


da sollevAzione

 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Visioni del Mondo Nicaragua. Sollevazione popolare

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.