Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi4803
mod_vvisit_counterUltima settimana102104
mod_vvisit_counterUltimo mese580448

Africa

Africa Renaissance?

E-mail Stampa

La sede centrale della Panafrican Youth Union si sposta a Khartoum

Faceva un certo effetto essere la sola delegazione occidentale in mezzo a tanti delegati africani. Per la verità, l’invito a partecipare come osservatori alla cerimonia inaugurale della nuova sede centrale della Unione Panafricana della Gioventù (PYU) c’era stato inoltrato dai fratelli della Federazione Nazionale della Gioventù Sudanese (NFSY). Invito che abbiamo volentieri accettato, visto che non capita tutti i giorni poter incontrare tutto in una volta così tante realtà politiche africane.

Leggi tutto...
 

Guerra dei mondi in Africa

E-mail Stampa

La nuova centralità dell'Africa: è questo il tema dell'articolo di Pepe Escobar che potete leggere di seguito. Lotta per le materie prime e per le risorse naturali, contenimento della presenza cinese nel continente: queste le due ragioni del rinnovato interesse occidentale per l'Africa ad un cinquantennio dalla svolta della decolonizzazione. Ragioni più che sufficienti per dire che nel prossimo futuro l'Africa sarà sempre più uno dei terreni decisivi della lotta antimperialista.

Dalle guerre per l’energia alle guerre per l’acqua, il XXI secolo sarà testimone di una feroce lotta per le risorse naturali che restano nel mondo. Lo scacchiere è globale. I rischi sono enormi. La maggior parte delle battaglie saranno invisibili. Tutte saranno cruciali.

Leggi tutto...
 

AFRICOM nel cuore della guerra per il petrolio

E-mail Stampa

Dopo aver incassato il rifiuto di quasi tutti gli stati africani, il comando degli Stati uniti per l'Africa sembrava essere destinato a rimanere a Stoccarda, in Germania. Di fatto, continua ad essere molto presente e attivo nel continente africano. AFRICOM, sotto la copertura dell'aiuto umanitario, lotta al terrorismo e mantenimento della pace, si sposta in un crescente numero di paesi dove conduce manovre militari, programmi formativi e di assistenza.

Questi movimenti vanno in parallelo alla diminuzione della presenza della Francia nella sua vecchia area d'influenza. In mancanza di una vera e propria base dove collocarsi, AFRICOM è stato ripensato come strumento che consiste in una trama di piccole installazioni intorno alla base americana di Gibuti. Dispone di una forza permanente di circa 1.800 uomini. Per le emergenze, dispone di una base navale in Kenia e altre due in Etiopia.

Leggi tutto...
 

La prova del nove

E-mail Stampa

L’obamismo, forma sofisticata di imperialismo

 

L’11 luglio scorso Obama lasciava il G8 svoltosi a L’Aquila per recarsi in Africa. Tappa fondamentale del tour, non a caso, Accra, capitale del Ghana. Il porto di Accra, nel disegno strategico di alcuni ambienti nordamericani, dovrebbe diventare il terminale dove far confluire almeno tre oleodotti strategici dove far confluire il petrolio dell’Africa occidentale, settentrionale, equatoriale  e orientale. Ovviamente questo Obama non l’ha detto nel suo retorico discorso al parlamento del Ghana. Certe questioni sensibili restano appannaggio di ristrettissime cosche affaristiche, protette dalle regole ferree delle diplomazia segreta. Ad Accra ha fatto piuttosto riferimento al fatto che l’Africa, essendo ricca di energia solare, geotermica e di biocombustibili, potrebbe acquisire un ruolo fondamentale per il futuro di tutta l’umanità.

Leggi tutto...
 

"Africa Command" significa Colonialismo

E-mail Stampa

Nella recrudescenza del conflitto fra i ribelli congolesi banyamulenge e il governo del Congo – Kinshasa nelle regione di Kivu, al confine con il Ruanda che appoggerebbe i banyamulenge perché, si afferma comunemente, appartenenti all’etnia tutsi maggioritaria e al governo appunto in Ruanda, pubblichiamo un articolo davvero illuminante sui progetti statunitensi in Africa. Progetti che consistono nell’istituzione di un apposito comando militare nel continente, tradizionale teatro di contese e conseguenti spartizioni fra le potenze coloniali europee (in primis Francia e Gran Bretagna), malamente mascherato da “partenariato civile – militare”.

Leggi tutto...
 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Secondo Fronte Africa