Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi7693
mod_vvisit_counterUltima settimana195957
mod_vvisit_counterUltimo mese732623

Georgia

Il PCU della Georgia sull'attuale situazione nel paese

E-mail Stampa

Un articolo di Temur Pipia, Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista Unificato della Georgia

Nonostante le autorità dichiarino a gran voce il successo delle riforme, le condizioni economiche e sociali sono molto difficili in Georgia. Il tasso di disoccupazione raggiunge il 70%. Tra gli impianti della grande industria solo alcuni sono operativi e neppure a pieno regime. Tutte queste fabbriche sono private e appartengono a membri del governo o a persone a loro vicine.

Leggi tutto...
 

Georgia, rivoluzione inopportuna

E-mail Stampa

Soffocata nel sangue la 'rivoluzione d'argento' contro il regime filo-americano di Mikheil Saakashvili. La diplomazia occidentale non condanna l'uso della forza contro i manifestanti di Tbilisi, in maggioranza anziani pensionati: "La protesta impediva la parata ufficiale".

Non tutte le rivoluzioni escono col buco. Quelle contro i regimi amici degli Stati Uniti hanno il brutto vizio di venire brutalmente stroncate sul nascere, nel silenzio della stampa occidentale. E' successo a marzo nell'Azerbaigian di Ilham Aliyev. E' successo di nuovo ieri nella Georgia di Mikheil Saakashvili.

Leggi tutto...
 

La Georgia, avamposto USA in Caucaso

E-mail Stampa

Un anno e mezzo dopo l’offensiva delle forze armate georgiane contro la provincia secessionista dell’Ossezia del Sud, a cui seguì la rappresaglia dei carri armati e dei cacciabombardieri russi contro le basi militari e la popolazione della Georgia, nel Caucaso tornano a soffiare i venti di guerra. A riaccendere le tensione tra la Russia e la ex repubblica sovietica divenuta la più fedele alleata degli Stati Uniti nella competizione per il controllo delle fonti petrolifere e degli oleodotti del Mar Nero e dell’Asia centrale, la firma di un accordo tra Mosca e l’Abkhazia per la realizzazione di una base capace di ospitare sino a 3.000 militari russi all’interno di questa seconda regione proclamatasi indipendente dalla Georgia.

Leggi tutto...
 

«La responsabilità è interamente di Saakashvili»

E-mail Stampa

Dichiarazione del Comitato georgiano per la pace


«Ancora una volta la Georgia è precipitata in una situazione di caos e spargimento di sangue. Una nuova guerra fratricida è esplosa con rinnovata forza sul suolo georgiano.

Leggi tutto...
 

LA NOSTRA POSIZIONE SUL CONFLITTO IN GEORGIA

E-mail Stampa

1. Gli antimperialisti sostengono in linea di principio il diritto all’autodeterminazione di ogni popolo. Stabilito che il popolo e solo esso ha la facoltà di decidere del proprio destino, l’esercizio di questo diritto può essere concretamente declinato in diverse maniere. La secessione, ovvero la costituzione di uno Stato indipendente e separato è solo una forma possibile del diritto all’autodeterminazione. Un popolo può infatti decidere di far parte di una più vasta comunità federativa di popoli e di nazioni. In generale è questa la forma che come antimperialisti peroriamo, non solo in virtù dei nostri ideali internazionalistici di fratellanza, ma anche in base alla elementare considerazione politica che la proliferazione di piccoli stati corrisponde proprio agli interessi strategici dell’imperialismo americano, che da tempo rappresenta la principale potenza imperiale e quindi il nemico numero uno della libertà e di tutti i popoli oppressi.

2. Questa linea generale di sostegno ad ogni popolo che lotti per la propria autodeterminazione può avere delle eccezioni. Può accadere ad esempio che la lotta separatista sia stimolata, foraggiata ed eterodiretta da questa o quella potenza imperialistica; che questa o quella lotta nazionale non siano quindi un particolare della più generale lotta di liberazione dei popoli oppressi ma, proprio al contrario, siano un fattore per consolidare l’oppressione di altri popoli o delle pedine del più globale predomino imperialistico. Casi eclatanti di questo tipo sono stati, secondo noi, i movimenti nazionalistici croato, bosniaco o kosovaro. Come pure i kurdi dell’Iraq, le cui principali milizie hanno agito e agiscono come truppe ausiliarie dell’occupazione angloamericana.

2. Il Caucaso è un puzzle di popoli e nazioni, per di più storicamente affini e compenetrati, dove quindi tracciare frontiere divisorie sulla base del criterio dell’omogeneità nazionale o linguistica è altamente aleatorio e non può quindi portare ad una soluzione che sia giusta per tutti. Fermo restando che il diritto all’autodeterminazione spetta ad ognuno di essi, ai ceceni come ai dagestani, agli armeni come ai georgiani, ai kabarini come agli azeri, noi antimperialisti immaginiamo una soluzione federativa, ovvero che i popoli del Caucaso riescano un giorno a superare i loro attriti (spesso conseguenza delle ingerenze di potenze straniere) e ad edificare una Unione federativa in cui tutti possano convivere con pieni e pari diritti. Lo spezzettamento in piccoli stati o la balcanizzazione non significa altro che restare in uno stato di soggezione al cospetto all’imperialismo e/o delle grandi potenze.

3. La Georgia ha il diritto di essere indipendente dalla Russia. Questo diritto non può giustificare fare di questo paese una testa di ponte della penetrazione dell’imperialistica nel Caucaso, ovvero un’eclave della NATO puntata contro tutti quei popoli e quelle nazioni che la NATO considera forze strategicamente ostili (Russia e Iran ad esempio). Né, questo diritto, non può essere esercitato a spese delle minoranze non georgiane che vivono nelle frontiere ereditate dalla vecchia Unione Sovietica —non significa dunque considerare intangibile la sua artificiale integrità territoriale. Se quello di Saakashvili fosse un governo democratico, esso dovrebbe infatti riconoscere il diritto all’autodeterminazione che rivendica per sé, non solo alle minoranze abkhaza e aggiara (che sulla carta godono dello status di Repubbliche autonome), ma pure alla Ossezia del sud —che invece considera solo una delle proprie regioni amministrative. Se queste minoranze non vogliono far parte della Georgia, esse debbono avere la facoltà di secedere. E ove queste minoranze preferissero federarsi con la Repubblica russa, dovrebbero avere il diritto di farlo.

5. Non c’è alcun dubbio che il governo georgiano di Saakashvili sia un regime fantoccio degli Stati Uniti e della NATO. Innumerevoli sono infatti i gesti di politica estera e interna con cui Saakashvili ha sigillato la propria sudditanza all’imperialismo euroatlantico. Come non c’è alcun dubbio che, proprio su istigazione degli Stati Uniti, Saakashvili sia responsabile dell’attacco contro le zone liberate dell’Ossezia del sud e quindi dei massacri perpetrati dalle truppe georgiane (armate dagli israeliani) sulla popolazione inerme di Ts’khinvali. La sopravvivenza di questo governo fantoccio è una minaccia diretta non soltanto per le minoranze che vivono in Georgia, lo è per la Russia, certo, ma lo è anche per lo stesso popolo georgiano che rischia di pagare un prezzo incalcolabile per il sostegno che questo avventuriero offre all’espansionismo USA e NATO. Per questo non chiediamo affatto, come contempla la bozza di accordo proposta dalla UE, il ritiro incondizionato delle truppe russe dalla Georgia. Questo ritiro è auspicabile ove sia contestuale all’impegno occidentale di non accogliere, come proclamato, la Georgia nella NATO.

6. Non puo’ che reallegrarci che la Russia abbia dato un sonoro ceffone a questo governo fantoccio e ai suoi sponsor occidentali. L’imperialismo americano è senza dubbio il nemico principale dei popoli oppressi e dei movimenti di liberazione, ed è certo positivo che gli USA trovino più ostacoli possibili alla loro politica imperiale e neocoloniale. Questo non deve tuttavia farci dimenticare che la Russia gioca una sua propria partita neoimperialistica la quale, se in alcuni casi puo’ sostenere cause sacrosante, in altri puo’ invece implicare oppressioni sciovinistiche non meno sanguinarie (vedi la Cecenia). Non possiamo scambiare la lotta antimperialista con la disputa interimperialistica. Gli interessi delle Resistenze popolari antimperialiste, avendo come primo nemico gli USA, la NATO e la UE, possono tatticamente, ovvero in alcune circostanze, coincidere con la geopolitica russa, ma non combaciano strategicamente con quest’ultima.

AUTODETERMINAZIONE PER TUTTI I POPOLI CAUCASICI!
VIA IL GOVERNO FANTOCCIO DI SAAKASHVILI!
NO ALL’INGRESSO DI GEORGIA E UCRAINA NELLA NATO!
FUORI GLI USA, ISRAELE E LA NATO DAL CAUCASO!
NO ALLE BASI MISSILISTICHE NATO IN EST EUROPA!
SOSTEGNO A TUTTE LE RESISTENZE ANTIMPERIALISTE!

Campo antimperialista, Notiziario del 20 agosto 2008

 

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home Secondo Fronte Georgia