Campo Antimperialista Italia

Campo Antimperialista - Italia

mod_vvisit_counterOggi24762
mod_vvisit_counterUltima settimana172095
mod_vvisit_counterUltimo mese633769

Corno d’Africa - La lotta di liberazione del popolo di Ogaden

E-mail Stampa

Pochi oggi ricordano la sanguinosa guerra che nel 1977-78 oppose la Somalia di Siad Barre all’Etiopia di Menghistu, e che vide quest’ultima uscirne sonoramente sconfitta. La Somalia giustificò la sua aggressione col motivo di sostenere il movimento di liberazione dell’Ogaden. Si trattava in realtà di una guerra per procura, istigata dagli americani nel tentativo di rovesciare il neonato regime antimperialista etiopico. Regime che difficilmente avrebbe potuto resistere agli attacchi da ogni lato, senza il sostegno dei cubani e dei sovietici. Si era al culmine della guerra fredda. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti, la situazione si è capovolta. Oggi l’Etiopia di Meles Zenawi è uno fido alleato degli USA, mentre in Ogaden combatte per la libertà del proprio popolo il Fronte Nazionale di Liberazione dell’Ogaden (ONLF).

Leggi tutto...
 

La guerra senza fine nel Kivu

E-mail Stampa

"Il figlio di un serpente è un piccolo serpente"

Proprio un anno fa, nell'articolo Congo. L’infinita guerra per procura, parlando del sanguinoso conflitto nelle due regioni congolesi del Nord e Sud Kivu, ponevamo in evidenza come la vera causa del macello che dura ormai da quindici anni non fosse affatto di natura etnica ma risiedesse nella lotta furibonda per accaparrarsi le materie prime. Dietro alle diverse milizie in lotta, dicevamo, c'era il conflitto tra i veri burattinai, le multinazionali dei metalli, spalleggiate dai governi occidentali, che hanno tutto l'interesse a mantenere l'intera regione nel caos. Malgrado la cattura nel febbraio scorso del più famigerato Signore della guerra, Laurent Nkunda, nonostante il recente "accordo di pace" tra Kinshasa e Kigali, la situazione resta drammatica, visto che le diverse milizie continuano ad agire indisturbate e a farne le spese sono le popolazioni locali, le cui sofferenze hanno pochi eguali.

Leggi tutto...
 

I satrapi, la ricolonizzazione dell'Africa e la Cina

E-mail Stampa

Il caso del Madagascar

Nel marzo 2009 il Madagascar ha subito un nuovo colpo di stato. Le elezioni presidenziali del 2002 e del 2007, che si erano svolte, almeno a parole, nella massima correttezza, avevano visto vincitore Marc Ravalomanana.
Ora certa stampa europea sostiene che Marc Ravalomanana era un ladro, un dittatore sanguinario, mentre colui che è salito al potere col golpe, Andry Rajoelina, un salvatore della patria, uno che vuole solo il bene del popolo. In realtà si tratta di un altro satrapo, solo benvisto dagli imperialisti francesi, diventato infatti presidente con un colpo di stato nel più puro stile franco-africano.

Leggi tutto...
 

Niger: un golpe per l’uranio

E-mail Stampa

Un colpo di Stato voluto dalla Francia per tagliare fuori la Cina

Il Niger torna agli onori delle cronache. Questa volta non per la ribellione dei Tuareg, che scuote il paese dal 1991 e che si inasprì nel biennio 2007-2008. Tra la nazioni più instabili dell’Africa occidentale, il Niger ha conosciuto l’ennesimo colpo di stato militare (il quarto dopo quelli del '74, del '96 e del '99). Il 18 febbraio, al comando del colonnello Goukoye Abdur Karimou, l’esercito ha tratto in arresto e quindi rovesciato il presidente (golpista anch’esso) Mamadou Tandja, che a sua volta, il 4 agosto 2009, annullò la costituzione concentrando tutti i poteri nelle sue mani. Decisione che diede vita a grandi manifestazioni di protesta. Ma non è per andare incontro alla domanda di democrazia che i militari hanno cacciato Tandja. Dietro c’è la delicata questione dell’uranio e lo scontro tra Cina e Occidente per accaparrarselo.

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
Pagina 2 di 768

Vademecum della Sinistra contro l'Euro

OLTRE L'EURO

GLI INTERVENTI VIDEO-FILMATI DEL CONVEGNO DI CHIANCIANO TERME

# SEMINARIO ECONOMISTI
«Oltre l'euro, per andare dove?»

- Lo spot di apertura del Convegno
- L'introduzione di Pasquinelli
- La prolusione di E. Screpanti

# TAVOLA ROTONDA
«Quale società per il futuro»

- L'intervento di Ernesto Screpanti
- L'intervento di Giorgio Cremaschi
- L'intervento di Norberto Fragiacomo
- L'intervento di Claudio Martini
- L'intervento di Moreno Pasquinelli

# LE REPLICHE
- Moreno Pasquinelli

# FORUM
«La sinistra, la crisi, l'alternativa»

Introduzione di Nello De Bellis
- Diego Fusaro
- Francesca Donato
- Valerio Colombo
- Marino Badiale
- Ugo Boghetta
Siete qui: Home