Patriottismo o nazionalismo? (prima lezione)

Stampa

Patriottismo e Nazionalismo. Che siano fatti della stessa sostanza reazionaria è diventato un luogo comune di certa cattiva storiografia. Nella Enciclopedia del nazionalismo, di Alexander J. Motyl, leggiamo ad esempio: «Il nazionalismo italiano è l'ideologia nazionalista e patriottica che afferma come gli italiani siano globalmente una nazione e promuove l'unità culturale di essi».

Questa banalità è quindi diventata uno dei mantra principali dell'élite globalista, mantra che certe sinistre ripetono a pappagallo. Guarda caso, segnala il Pasquinelli, questa equipollenza è uno dei marchi di fabbrica del Fascismo, che riuscì nell'impresa di "fascistizzare il patriottismo".

Patriottismo e nazionalismo sono invece fenomeni storicamente diversi e per visioni, sia  della nazione che del mondo, opposti. Tanto più questo è vero se si considera la storia del nostro Paese. Pasquinelli, in questa prima lezione, risale alle origini del movimento patriottico italiano e sottolinea la sua natura democratica, egualitaria, repubblicana e rivoluzionaria. Il Risorgimento segnò la sconfitta del patriottismo democratico e la vittoria delle forze conservatrici e monarchiche.

E' dal seno di questo blocco storico tra aristocrazia, monarchia e borghesia, dal tentativo di questo blocco di legittimare ideologicamente le sue ambizioni coloniali e imperialistiche, che prenderà forma il nazionalismo così come oggi lo conosciamo.

Vi lasciamo all'ascolto di questa prima lezione sulle origini e la natura del movimento patriottico italiano. La prossima sarà invece sul nazionalismo, dal 1870 al fascismo.

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO

 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie.Per maggiori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.